Autore Topic: Radioascolto sulla banda nautica  (Letto 310 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Radioascolto sulla banda nautica
« il: Mar 17 Nov, 16:00 2020 »

Buongiorno a tutti, sono nuovo del forum e mi scuso in anticipo se questo thread non è nella sezione giusta, o se le domande hanno già una risposta altrove.

VI scrivo perché vorrei iniziare un'attività di radio ascolto e vorrei qualche consiglio. Mi sono ricordato che quando ero piccolo chiacchieravo con il CB di mio nonno pescatore con le barche che transitavano davanti al mio piccolo tratto di costa sul Canale di Sicilia, e oggi vorrei ripetere quelle bellissime sensazioni. Ho ascoltato qualcosa grazie ai websdr che si trovano in giro per la rete, anche italiani, ma per quanto mi piaccia tantissimo ascoltare il traffico radioamatoriale aspiro ancora ad ascoltare la gente di mare.

Il mio obiettivo, quindi, è di mettermi in ascolto del traffico radio nautico nel golfo davanti a casa mia. Se ho capito bene devo munirmi di un VHF, ma vorrei evitare quelle cose portatili a bassa potenza: casa mia ha un'ottima posizione, in una collina che domina il golfo, e non ho edifici davanti, ma dista dal mare un paio di chilometri e se ho capito bene con un VHF portatile riuscirei solo ad ascoltare il traffico dentro il porto, se mi va bene, mentre io vorrei ascoltare le conversazioni in tutta la rada fino a una distanza di una decina di miglia. Per fare qualche esempio, ho in mente scambi tra le navi in arrivo in porto e la torre piloti, brevi comunicazioni tra mercantili e così via.

Ecco quindi le mie domande: per questo tipo di ascolto potrebbe andare bene un apparato SDR, o devo munirmi per forza di uno scanner VHF fisso? Di che antenna avrei bisogno? Ultimo ma non meno importante, fare questo tipo di ascolto, in sé, è reato? (contando che, naturalmente, non interverrei mai nelle conversazioni, e che non è nelle mie intenzioni entrare nel traffico delle forze dell'ordine o della capitaneria)

Capisco che, da neofita assoluto, potrei avere scritto delle domande del tutto ingenue. Nel caso, sarei contento di studiare, ma il panorama di pubblicazioni e riviste è un po' confuso, per chi non ha nessuna conoscenza pregressa. Avreste qualche consiglio?

Spero di non avere approfittato troppo della vostra pazienza, a presto!

Online IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1006
  • Karma: 67
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #1 il: Mar 17 Nov, 17:20 2020 »
Citazione
Ecco quindi le mie domande: per questo tipo di ascolto potrebbe andare bene un apparato SDR, o devo munirmi per forza di uno scanner VHF fisso?
Se la sua intenzione è solo quella di ascoltare (e non vedrei che altro possa fare in banda marina), io le consiglio un buon ricevitore panoramico che le consentirà di spaziare - qualora volesse - anche in altre porzioni dell'etere. Dal momento che lei non è dotato di patente di radioamatore e relativa licenza, non potrà in ogni caso installare alcun apparato ricetrasmittente di questo tipo, ma solo un ricevitore.

Citazione
Di che antenna avrei bisogno?
Dipende da ciò che vorrà fare, dallo spazio di cui dispone e da quanto vuole spendere. Per le VHF va benissimo una antenna di tipo "discone" che permette di ricevere decorosamente in una larga porzione di banda, non solo VHF. Se invece vuole qualcosa di dedicato, ci sono moltissime antenne di tipo verticale che fanno al caso suo: mi viene in mente una Diamond X300, o similari.

Citazione
Ultimo ma non meno importante, fare questo tipo di ascolto, in sé, è reato? (contando che, naturalmente, non interverrei mai nelle conversazioni, e che non è nelle mie intenzioni entrare nel traffico delle forze dell'ordine o della capitaneria)
L'ascolto non è reato. La vecchia licenza SWL ammoniva all'ascolto sulle sole frequenze radioamatoriali, ma era impossibile accertare se ciò avvenisse o no (anche perché - diciamocelo - il traffico più "gustoso" lo si è sempre ascoltato fuori banda...). Adesso che non è più necessario chiedere tale autorizzazione, l'ascolto permane libero, con l'obbligo di non diffondere a terzi il contenuto delle comunicazioni captate.
73 de IW3HQD

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #2 il: Mar 17 Nov, 17:59 2020 »
Grazie mille per la gentilissima spiegazione :)

Non sapevo nemmeno dell'esistenza dei ricevitori panoramici, eheh....

Sempre per curiosità: volendo risparmiare qualcosa, e anche volendo trafficare con i computer, installare una SDR sarebbe utile? Ho visto che esistono kit che permettono di ricevere anche la banda radioamatoriale, e, almeno in un primo momento, mi sentirei più a mio agio con un approccio ibrido PC/Radio.

(spero di non avere detto una bestemmia, dato il luogo  çç6 Il fatto è che, anche se non aspiro ad altro che a un bell'apparato radio come si deve, almeno nella prima fase di esplorazione e scoperta vorrei contenere i costi e gli spazi occupati, e quello dell'SDR, secondo quanto ho letto, mi sembra un buon compromesso. Ma naturalmente potrei sbagliarmi del tutto, per questo mi sono deciso a scrivere su questo forum :) )

Online IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1006
  • Karma: 67
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #3 il: Mar 17 Nov, 18:20 2020 »
Purtroppo io non sono un esperto di SDR. Mai avuto uno, sono un purista della Ham radio quindi per me ricevere un segnale significa antenna + buon cavo + ricevitore panoramico. Parlare di radio tramite PC mi fa venire lo scorbuto....Ma, come ripeto, è questione di gusti.
73 de IW3HQD

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #4 il: Mar 17 Nov, 18:32 2020 »
Eh, lo immaginavo, e ripeto: idealmente, anch'io vorrei arrivare alla situazione antenna, cavo e ricevitore. Ma prima di arrivarci, dato l'impegno di soldi e tempo, vorrei iniziare con qualcosa di maneggevole :)

Anche perché, conoscendomi, se mi prende una passione è finita e rischio di trasformare casa mia in una centrale di radioascolto mondiale  çç36

Online IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1006
  • Karma: 67
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #5 il: Mar 17 Nov, 18:34 2020 »
E' il rischio di ogni appassionato di radio!! E non è detto che sia un male!  çç25 çç25
73 de IW3HQD

Offline charles_forever

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 378
  • Karma: 29
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #6 il: Mer 18 Nov, 10:15 2020 »
Io sono sempre dell'avviso che sia meglio un ottimo usato, piuttosto che un SDR. Con tutti i compromessi la coperta è sempre corta...

Charles

 çç33
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe.

Offline LOZIOPINO

  • Newbie
  • *
  • Post: 46
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #7 il: Mer 18 Nov, 10:30 2020 »
Guarda, vado leggermente controcorrente, potresti iniziare con investimento minimo.
Una SDR economica ma ben funzionante (allego foto indicativa, comprala dove vuoi).
Per le VHF/UHF un semplice stilo o un baffo amplificato per TV .
Per le HF un lungo filo, scoprirai dopo il come il perchè eccetera eccetera.
Se ti innamori continui e passi a qualcosa di più performante.
Nel frattempo rischi di divertirti molto con 40 euro al massimo.

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #8 il: Gio 19 Nov, 12:49 2020 »
Grazie mille per le indicazioni utili! Credo proprio che la prossima settimana ordinerò l'SDR.

Immagino che la foto di quell'antenna sia un baffo amplificato per Tv..... Ora però, dato che sto continuando ad ascoltare le web-sdr, mi sta venendo voglia di ascoltare anche il traffico in HF. Magari compro uno di quei kit e da lì, se c'è bisogno di altre antenne, inizio a crescere.

Grazie ancora!

Offline tmmlrd

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 520
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
  • Siamo in missione per conto di Dio!
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #9 il: Gio 19 Nov, 14:16 2020 »
Ziopino non ha mica tutti i torti… un oggetto così difficilmente non vale la spesa (per quello che costa!).

https://www.hamradioshop.it/rtl-sdr-blog-r820t2-rtl2832u-1ppm-tcxo-sma-sdr-con-dipole-antenna-kit-p-9589.html

Con una dotazione di antenne più che sufficiente per iniziare in VHF (e non solo).

Per chi abita in vicinanza di qualche aeroporto anche la banda aeronautica (118-136 MHz in AM) è assai divertente da ascoltare.
IW5CWC - Icom ID-51

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #10 il: Ven 20 Nov, 08:59 2020 »
Ciao a tutti, quoto il suggerimento di utilizzare un ricevitore SDR economico ed un'antenna amplificata per iniziare, poi volendo ci sono "chiavette" più sofisticate da visionare sul sito della WIMO (selezionate lingua italiana). La MFJ produce antenne da interno per il radioascolto e se la passione ti prende puoi anche richiedere un nominativo SWL per emancipare/ufficializzare la tua stazione ed eventualmente inviare cartoline QSL ai radioamatori che ascolti.

Possiedo un portatile YAESU VX6 e tra le varie funzioni c'è anche il radioascolto nautico canalizzato: abito in riva al fiume Mincio e durante l'estate spesso navigo con un barchino da Mantova al fiume Po monitorando la frequenza 156.700, perché viene usata dalle motonavi turistiche per avvisare quando entrano nelle conche. La loro comunicazione "MOTONAVE XXX NELLA CONCA XXX IN DISCESA" mi aiuta a fermarmi se sono in prossimità della stessa conca per dare la precedenza, che spetta loro di diritto sulle imbarcazioni da diporto in acque interne. Ovviamente il VX6 consente il solo ascolto....assolutamente NO TX!
Sempre con la stessa radio ho provato ad ascoltare per curiosità le comunicazioni del personale di una nave sull'Isola D'Elba prima dell'imbarco, ma non c'era nulla di particolarmente interessante ed ho spento quasi subito. Durante la stessa vacanza ascoltavo spesso in spiaggia il bollettino meteo ai naviganti.


OT
Il mio YAESU FT-991A invece ha una funzione per fare ascolto in banda aeronautica e talvolta ho provato ad utilizzarla per curiosità, ma a parte qualche brevissimo messaggio non ho mai captato nulla.
In onde corte invece alla domenica mattina ascolto ogni tanto un programma della RAI fatto dai radioamatori...dovrebbe essere intorno ai 9 MHz se non ricordo male e mi tiene compagnia mentre faccio il caffè accendendo il resto della stazione. Adesso vado a vedere e vi dico...

ECCOLO QUI! Si chiama Obiettivo DX e qui trovate qualche info http://www.obiettivodx.it/news/torna-obiettivo-dx-onde-corte/

Dopo oltre 15 anni di assenza dall’etere, Obiettivo DX torna in onda sulle frequenze di AWR Europe. La storica trasmissione di Radio Italia Internazionale, emittente di Spoleto che operava sui 7140 kHz, dal 25 settembre sarà in onda ogni domenica mattina alle 09.03 UTC su 9790 kHz (9610 kHz a partire dal 30 ottobre). La trasmissione, redatta e condotta da Roberto Scaglione di Bclnews, è ora prodotta dalla Siciliamedia Comunicazioni e realizzata negli studi di Firenze di Radio Voce della Speranza. Sarà possibile riascoltare la trasmissione sui canali ufficiali della trasmissione su questo sito internet, oltre che seguirne gli aggiornamenti attraverso i principali social network, con in testa Facebook, Twitter, Google+ e Youtube.
FINE OT

Morale della favola: l'unico radioascolto nautico che ho fatto per diletto è il bollettino meteo.

73 Giulio IU2IDU
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #11 il: Ven 20 Nov, 10:33 2020 »
Ciao Giulio, ciao tutti!

Credo che oggi stesso ordinerò il mio primo SDR, ma dalle conversazioni che stiamo avendo qui su forum, e i piccoli esperimenti fatti con i web-sdr, mi sto convincendo che il radioascolto nautico sarà una parte delle cose che ascolterò. Ci sono un sacco di cose interessanti sulle altre bande!

Ieri sera per esempio ho seguito il tuo consiglio, Giulio, e sono andato a curiosare nella banda dei 40m con un web-sdr che si trova in Olanda. Uno sproposito di persone, tra cui anche molti italiani (li ho riconosciuti perché se ho capito bene la prima lettera dell'identificativo I indica un radioamatore italiano). Da un'antenna in zona Napoli invece ho ascoltato gente che parlava con il Guatemala, è possibile? Ricezione più disturbata comunque, forse dipendeva dall'antenna o dalla posizione geografica....

In ogni caso, credo che con il radioascolto nautico e aeronautico dovrei avere un po' più di fortuna: da casa mia vedo due grossi porti siciliani, uno dei quali ad appena un paio di chilometri, e vicino c'è anche uno dei grossi aeroporti dell'isola. Di roba dovrebbe essercene (spero).

Mi incuriosisce molto anche l'opzione di chiedere il nominativo SWL ed eventualmente mandare cartoline di ascolto....

Insomma, non vedo l'ora mi arrivi l'SDR per fare le prime prove. Vi terrò aggiornati!

Offline tmmlrd

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 520
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
  • Siamo in missione per conto di Dio!
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #12 il: Ven 20 Nov, 11:25 2020 »
Dalla mia esperienza le comunicazioni aeronautiche avvengono quasi solo in prossimità di atterraggio e decollo, quindi se non si è in vicinanza di un aeroporto difficile sentire qualcosa. E in ogni caso si sentirebbero i passaggi dell'aeromobile ma difficilmente quelli da terra. Invece vicino agli aeroporti si sentono le comunicazioni da/per la torre di controllo (oltre ai vari servizi di terra) e la cosa può essere assai divertente. Ad es. incrociando quello che si sente  con quello che dice (con qualche minuto di ritardo) Flight Radar... ;)
IW5CWC - Icom ID-51

Offline charles_forever

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 378
  • Karma: 29
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #13 il: Ven 20 Nov, 11:49 2020 »
Dalla mia personale esperioenza, quando ne hai sentiti tre, li hai sentiti tutti! Sono di una noia mortale, danno i dati dell'aereo, risponde la torre, e basta.

C'è molto più movimento in mare  çç26

Charles
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe.

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #14 il: Ven 20 Nov, 13:59 2020 »
li ho riconosciuti perché se ho capito bene la prima lettera dell'identificativo I indica un radioamatore italiano

http://www.dxatlas.com/Download.asp Scarica DX ATLAS per avere un elenco completo di tutti i prefissi radioamatoriali nel mondo, lo uso da 4 anni ed è un programma sicuro (come tutta la DX LAB SUITE).

In particolare bisogna anche ricordare che il mondo è suddiviso in tre regioni (l'Europa è nella REGIONE 1)



Le nostre regioni italiane invece hanno dei numeri di riconoscimento, io sono nella Regione Lombardia quindi ZONA 2.



Il mio nominativo è IU2IDU e possiamo "smontarlo" così:

I = ITALIA
U2 = REGIONE LOMBARDIA (la U fa parte di un sistema tipo targhe automobilistiche, adesso siamo alla U ma più avanti si cambierà lettera)
IDU = la sigla assegnata a me

Lo stesso vale per tutte gli stati del mondo....ad esempio gli spagnoli sono EA (echo alfa) ed il numero successivo dice in quale regione si trovano. EA8 sono le Isole Canarie......divertiti con DX ATLAS  ;D

Infine TUTTO IL MONDO è suddiviso in piccoli riquadri chiamati LOCATORI (io sono nel locatore JN55kc).

https://www.iz3mez.it/maps.google/ww-loc.html qui puoi divertirti a scoprire il tuo cliccando sulla mappa la posizione di casa tua o inserire qualsiasi località del mondo per esplorare gli altri locatori.

Visto che ti piace il sito WEBSDR voglio darti un'altra dritta.....quando i radioamatori si collegano tra di loro si usa "spottare" (pubblicizzare) l'avvenuto collegamento su un circuito chiamato CLUSTER. I programmi di gestione della stazione radioamatoriale sono collegati al CLUSTER per tenere monitorata l'attività: se vedo un italiano che fa un collegamento particolarmente interessante con un'entità rara cercherò di precipitarmi per chiamare prima che gli altri facciano la stessa cosa. Inutile dire che quando una stazione davvero rara (come il Vaticano ad esempio) viene spottata dopo 4 secondi ci sarà tutto il mondo che spara ogni briciola di energia a sua disposizione per vincere quella situazione di caos.

La situazione di caos che ho citato è denominata PILE UP (letteralmente ACCUMULARE.....una sorta di AMMUCCHIATA).

https://www.dxfuncluster.com/ questo è uno dei tanti siti che ti permette di monitorare il CLUSTER con il computer, dovrai selezionare la banda che ti interessa.

A sinistra trovi la stazione che ha effettuato il collegamento e a destra la sezione spottata (CHI CHIAMA), il tutto seguito da un commento opzionale.



Ad esempio in questo momento vedo che un italiano (IK2ZJJ quindi Lombardia) ha spottato la stazione dell'Arabia Saudita HZ20G con tanto di commento strong signal quindi se con un SDR online ascolti su quella frequenza da un ricevitore italiano avrai la possibilità di ascoltarlo altrettanto bene.

Adesso mi fermo altrimenti ti riempio la testa, ma potrei andare avanti per ore......ci sono tantissime sfumature nell'attività radiantistica e la trasmissione è solo la punta dell'iceberg.

73 Giulio IU2IDU
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #15 il: Ven 20 Nov, 14:13 2020 »
Tutto corretto, poi ci sono i radioamatori che non sportano non pileuppano, semplicemente fanno qso e/o si fanno il loro collegamento. Siamo in tanti. Solitamente passiamo inosservati. Un po' come i pescatori solitari, prendono il loro pesce e se lo cucinano. Senza classifica, senza foto ricordo. Buon appetito.

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #16 il: Ven 20 Nov, 14:19 2020 »
Giustissimo ZIODIO, ma volevo dargli qualche dritta per capire come muoversi con l'SDR se vuole ascoltare qualcosa di extraeuropeo, visto che sta maneggiando il sito WEBSDR.

Se dovesse vedere spottata una stazione con suffisso MM (mike mike = maritime mobile) significa che quella è una nave con radioamatore a bordo che si diverte nel tempo libero.....anche questo è radioascolto nautico.

IU2IDU/MM = io su una nave o imbarcazione

EA8/IU2IDU/MM = io su una nave o imbarcazione alle Isole Canarie

Senza classifica, ma probabilmente con foto ricordo.

 ;D ;D ;D ;D ;D

73 Giulio IU2IDU
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #17 il: Ven 20 Nov, 14:24 2020 »
Dimenticavo, domani sarò in quota a Pian Mune (Cn) , prevedo una lunga passeggiata e sosta in quota a 1800 metri circa. Apparato 817 truccato , posso contare su 10w ma rimango a 2w circa. 144.350 ssb stretta (filtro 1.8khz) e 20 metri se trovo qualche contrappeso decente (recinzione per mucche o strutture in loco).

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #18 il: Ven 20 Nov, 14:29 2020 »
Dimenticavo, domani sarò in quota a Pian Mune (Cn) , prevedo una lunga passeggiata e sosta in quota a 1800 metri circa. Apparato 817 truccato , posso contare su 10w ma rimango a 2w circa. 144.350 ssb stretta (filtro 1.8khz) e 20 metri se trovo qualche contrappeso decente (recinzione per mucche o strutture in loco).

Mi metterò volentieri in ascolto, magari con il 991A riesco a sentirti e collegarti.  çç11 çç11 çç11

In che senso il tuo 817 è "truccato"?
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #19 il: Ven 20 Nov, 14:34 2020 »
Stadio finale modificato piuttosto pesantemente con nuovi MOSFET più performanti, filtro murata doppio con banda 1.8khz , la voce risulta un po' paperina ma buca e concentra la potenza. DSP in ascolto con filtri audio digitali. Microfono esterno molto piccolo con capsula antirumore. Tanto era fuori garanzia....

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #20 il: Ven 20 Nov, 14:36 2020 »
Ben fatto, spero di sentirti e collegarti....

Buona giornata.

73 Giulio IU2IDU
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #21 il: Ven 20 Nov, 14:45 2020 »
Lo stadio finale adotta i pd55015 la modifica è stata pesante però ora il mio 817 può arrivare ad erogare una follia.. 15w .

Offline charles_forever

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 378
  • Karma: 29
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #22 il: Ven 20 Nov, 15:34 2020 »
Io ho un finale stereo con i 2N3055...  çç25

Charles
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe.

Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #23 il: Ven 20 Nov, 15:38 2020 »
Si usavano. E parecchio. Con 2n1711. Erano transistor di qualità all'epoca.

Offline charles_forever

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 378
  • Karma: 29
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #24 il: Ven 20 Nov, 15:45 2020 »
Diciamo che "qualità" con i 2N3055 fa un po' a pugni!  çç32 Il difficile era trovarne veramente di buona qualità! Purtroppo noi Italiani ci siamo sempre distinti quali "spacciatori di ciofeche". E non solo gli Italiani...
Si cercavano componenti di qualità nei cataloghi di Vecchietti, Melchioni, ESCO, pubblicati su CQ Elettronica. Altrimenti bisognava andare a Bologna, nel negozietto di Nuova Elettronica, dove avevano componenti di livello da medio-alto ad alto.

Charles
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe.

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #25 il: Ven 20 Nov, 16:20 2020 »
Santo cielo ma che meraviglia, ci divento pazzo con queste cose!  çç11

Mi sono fatto un giro sul sito di spotters, in effetti c'è un sacco di materiale. Per esempio ho visto dei commenti "COURTESY CARD ISS", deve essere gente che ha sentito la stazione spaziale internazionale...  çç39

Vorrei dirvi che poco fa ho ordinato l'SDR, ora aspetto che arrivi  çç6

Offline Cush

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #26 il: Ven 20 Nov, 16:23 2020 »
No scusate, sulla ISS ho detto una castroneria, è una Courtesy card data da un radioamatore (sempre se ho capito bene  çç25)

Offline charles_forever

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 378
  • Karma: 29
  • Sesso: Maschio
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #27 il: Ven 20 Nov, 16:26 2020 »
A questo punto, però, ho alcunwe domande da farvi. Come mai esistono chiavette SDR al costo di poca roba, ma esistono anche "cosi" molto più costosi. Es. su Arifidenza c'è un tale che vende un "Perseus" a 450 Euro, però senza nemmeno un graffio! Ok che è un po' più grande di una chiavetta, ma cosa è che fa la differenza?

Charles
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe.

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #28 il: Ven 20 Nov, 16:55 2020 »
https://www.wimo.com/it/catalogsearch/result/?q=sdr <------------

Ciao Charles, sicuramente tecnologie e componenti diversi.......distinguendo chi vende un prodotto a prezzo proporzionato da chi si approfitta. Guarda sul link della WIMO e vedrai che esistono anche "chiavette" costose per tutte le tasche.

Prendiamo questa per esempio https://www.wimo.com/it/colibri-nano

La chiavetta USB Colibri-NANO è un potente ricevitore SDR a campionamento diretto. La gamma di frequenze spazia da 9 kHz a 55 MHz. Il convertitore AD ha profondità 14 bit, il che si traduce in una eccellente BDR di 110 dB. La frequenza di campionamento di 122 MHz, unita al filtro anti-aliasing, consente la ricezione a campionamento diretto fino a 55 MHz. Il filtro può essere escluso, è così possibile usare il ricevitore in modalità "sotto-campionata" (con prestazioni ridotte) fino a 500 MHz.
Grazie ad un'elaborazione dei dati IQ migliorata e più veloce, sull'SDR si ottiene una larghezza di campionamento di 3 MHz; di conseguenza il display di spettro può avere una larghezza fino a 3 MHz. Questo è un valore eccellente per un dispositivo di questa fascia! Il software, ExpertSDR2 (download a eesdr.com), offre un ricevitore per tutti i modi comuni, mentre i modi digitali possono essere decodificati mediante programmi esterni, utiizzando il supporto per "dispositivi audio virtuali" VAC.
Altra notevole caratteristica dell'SDR Colibri-NANO, è lo stadio combinato attenuatore/pre-amplificatore che può essere finemente regolato in passi di 0.5 dB, da -31 a +6 dB. Assieme ad un basso noise floor (da -127 a -131 dBm) ed una eccellente sensibilità di 0.05 µV, il risultato è un ricevitore dall'eccellente capacità di gestire grandi segnali. Il Colibri-NANO è un perfetto scanner HF, sia in ambienti rumorosi che molto silenziosi.
Il Colibri-NANO può essere utilizzato direttamente collegato al computer dell'utilizzatore oppure da una postazione remota. Ciò può essere fatto con l'uso del software gratuito ExpertRemote. Nella postazione sell'SDR è necessario un piccolo calcolatore, ad esempio il Raspberry-Pi; come connessione internet è suffciente un collegamento relativamente lento come LTE o 3G. Questo consente di utilizzare il ricevitore SDR in una postazione comoda e silenziosa, in qualunque punto del mondo.
Il software del Colibri-NANO (download a eesdr.com) integra una interfaccia CAT per il controllo remoto di un ricetrasmettitore radioamatoriale tradizionale. Visivamente il software ExpertSDR2 è davvero impressionante grazie al supporto dei display 4K. Il sistema operativo può essere Windows (XP, Vista, 7, 8, 10 (32/64 bit)) o Linux (Ubuntu, Kubuntu). Sono anche fornite DLL per I/O esterne, da usare con altri programmi, ad esempio SDR# [1] o HDSDR.


Guarda anche la tabella comparativa di alcuni prodotti in vendita su WIMO.



73 Giulio IU2IDU
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline ZIODIO

  • Full Member
  • ***
  • Post: 101
  • Karma: 4
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #29 il: Ven 20 Nov, 17:24 2020 »
Già negli anni 80 giravano molti cloni dei transistor più famosi Motorola e Toshiba. I veri 2n3055 erano di qualità ( i Motorola, ad esempio). Purtroppo in giro si trovavano pessimi transistor che potevano andare per pilotare un relè.

Offline tmmlrd

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 520
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
  • Siamo in missione per conto di Dio!
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #30 il: Sab 21 Nov, 09:57 2020 »
Santo cielo ma che meraviglia, ci divento pazzo con queste cose!  çç11

Mi sono fatto un giro sul sito di spotters, in effetti c'è un sacco di materiale. Per esempio ho visto dei commenti "COURTESY CARD ISS", deve essere gente che ha sentito la stazione spaziale internazionale...  çç39

Vorrei dirvi che poco fa ho ordinato l'SDR, ora aspetto che arrivi  çç6

La ISS è facilissima da ascoltare anche con un antennino di gomma da 20 cm (provare per credere!). Se sai data e ora (trovi su internet) i contatti degli astronauti con le scuole si ricevono ad es. così:





E così tutti gli altri satelliti di uso amatoriale. Basta procurarsi un programmino che indica l'ora di passaggio sopra la tua testa. Io ho ISS Detector per Android sul cellulare, con il plugin dei satelliti OM (a pagamento, pochi euro). Funziona molto bene.
Cerca in giro sui siti ARISS (Amateur Radio on the ISS) oppure AMSAT (Radio Amateur Satellite Corporation)

Buon divertimento (ricordi me quando presi il mio primo scanner a 19 anni... dopo qualche anno di CB). Tanti decenni fa...

Adesso che sono licenziato OM (anche quello da decenni ormai...) sto inseguendo un contatto con un satellite, in trasmissione, ma ancora non ci sono riuscito. Non dedico moltissimo tempo alla radio, ma prima o poi ce la farò  ;) (dicono che anche questo sia relativamente facile... ::))
IW5CWC - Icom ID-51

Offline thomas

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 94
  • Karma: -1
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #31 il: Mar 24 Nov, 11:30 2020 »
Sempre le stesse domande, a distanza di pochi giorni...... una preliminare ricerca, meglio se su google, o cmq qui in archivio, no?

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 602
  • Karma: 35
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Radioascolto sulla banda nautica
« Risposta #32 il: Mar 24 Nov, 16:07 2020 »
Ma sì dai......si fa per parlare Thomas.

 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38 çç38
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


 

free countersfree countersfree counters