Autore Topic: Situazione di necessità  (Letto 547 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Situazione di necessità
« il: Mar 19 Mag, 00:36 2020 »

Ciao a tutti!
Volevo chiedervi come vi comporteresti nella mia situazione.
Settimana prossima devo andare nella mia baita in montagna per fare dei lavori. Ci resterò per circa 10 giorni, pernottando in loco senza tornare a casa visto il lungo e impegnativo tragitto.
Il problema è che la zona è piuttosto impervia e non vi è segnale nemmeno per le chiamate di emergenza.
Per trovare campo dovrei fare circa una ventina di minuti verso un'altura.
Se mi dovesse succedere qualcosa sarebbe quindi un bel guaio visto che non passa praticamente mai nessuno.
Spero di non sollevare un vespaio, mi hanno riferito che in una montagna vicina c'è un ponte radioamatoriale, se comprassi ad esempio un baofeng da usare per provare a chiedere aiuto su uno di questi ponti commetterei qualcosa di grave.
Ci tengo a precisare che lo userei solo per questo o come prm sul canale 8-16 di rrm. Non mi passerebbe mai per la testa di disturbare qualcuno se la situazione non lo richiedesse.
Ve lo chiedo perché sono terrorizzato dalle eventuali (giuste) sanzioni, visto che l'apparecchio potrebbe disturbare frequenze delicate se usato senza criterio.
Purtroppo però sarebbe l'unico modo per parlare con qualcuno se dovesse succermi qualcosa.
Voi cosa mi consigliereste?

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #1 il: Mar 19 Mag, 08:38 2020 »
L'argomento è stato già affrontato più volte in questo forum e si risolve nello scontro "stato di necessità vs regolamento".
Fermo restando che in caso di necessità di urgente soccorso nessuno potrà contestare niente poiché la tutela della vita umana è senz'altro prioritaria rispetto all'accesso abusivo a un ponte radioamatoriale, civile o militare, il problema si pone invece in caso di controllo casuale da parte delle Forze dell'Ordine. Faccio un esempio: lei si sta recando in baita e viene fermato a un posto di controllo dove un agente guarda caso è anche radioamatore e perciò si intende di apparati e normative: in quel momento la sua vita non è in pericolo, pertanto la sola detenzione dell'apparato rientra nella piena applicazione del DLG 259/2003 che prevede all'art. 102 una sanzione di 600 Euro e il sequestro dell'apparato per la detenzione abusiva e una sanzione di 1000 Euro e il sequestro dell'apparato se sulla radio vengono trovate impostate frequenze non ammesse.
73 de IW3HQD

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #2 il: Mar 19 Mag, 09:12 2020 »
Buon giorno a tutti. Mikep, il fatto che tu sia cosciente di cosa comporta avere con sé una ricetrasmittente senza averne titolo è già una buona cosa ma che non giustifica nulla perché se tutti facessero così ogni volta che vanno a funghi, sciare fuori pista, fare trekking, scalate, situazioni potenzialmente a rischio ecc allora tutti farebbero quello che vogliono solo perché forse potrebbe succedere qualcosa.

In giro leggo di gente che vorrebbe pure chiamare sul canale nautico di emergenza o direttamente sulle frequenze dei cc o dove gli pare e piace, insomma il potenziale pericolo non è una scusa per fare quello che la legge non consente altrimenti (scusa il paragone) io mi porto sempre dietro un’arma perché se forse mi aggrediscono posso difendermi. Il concetto è il medesimo.

Citazione
mi hanno riferito che in una montagna vicina c'è un ponte radioamatoriale
Inoltre sarebbe da verificare se quel ripetitore sia veramente utilizzabile dalla tua posizione, ti hanno riferito significa poco, bisogna provare, il sentito dire non conta nulla.

Concludendo, ognuno fa quello che vuole e non sono certo io e nessun altro a importi qualcosa, la scelta spetta solo e unicamente a te.

Il miglior consiglio che ti posso dare e di lasciar perdere le ricetrasmittenti compresi i pmr446 poiché se non c’è dietro una infrastruttura dedicata al soccorso non servono a una mazza e ci si aggrappa invece alla fortuna sperando che in caso di bisogno ci sia un santo in ascolto.

Se ci tieni alla tua pelle allora prendi un telefono satellitare e avrai risolto ogni problema e rimarrai tranquillo per tutto il tempo di permanenza. Ormai i costi si sono abbassati molto e sono alla portata di tutti e in ogni caso la propria sicurezza non ha prezzo e pensare di affidare la propria vita ad un Baofeng, diciamolo pure, anche se meglio di nulla fa anche sorridere.

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #3 il: Mar 19 Mag, 10:24 2020 »
Grazie mille per le risposte! Scusate, non avevo notato che l'argomento fosse già stato trattato.
Avete ragione, affidare la vita ad un baofeng può sembrare davvero assurdo.
Non mi passerebbe mai per l'anticamera del cervello di provare a connettermi a ponti di forze dell'ordine, non so come certa gente faccia a pensare queste cose.
Volevo solo cercare qualcosa da poter usare in caso di emergenza, visto che avrei a che fare con la motosega. Non mi ero mai posto il problema, sono rimasto terrorizzato dopo che l'anno scorso un conoscente si era ferito gravemente in montagna e sì è salvato solo perchè ha avuto la fortuna di trovare un escursionista che era radioamatore.
Mi sono aggiornato sul ponte radio che vi dicevo, si riceve bene da un'altura a dieci minuti dalla baita. Quel ponte radio poi è in linea d'aria con casa mia, dove c'è mio figlio che ha da poco conseguito la patente da operatore radioamatoriale e che quindi potrebbe rimanere in ascolto in caso di emergenza.
Peccato che in Italia non esista il buonsenso, vi ho spiegato l'uso che farei io, peccato però che ci debbano andare di mezzo tutti solo perchè esistono delle persone che si divertono a fare cose oscene in radio.
Avendo visto quello che ha studiato ed il mazzo che si è fatto mio figlio per superare l'esame, se fossi anch'io OM mi incazzerei (scusate il termine) parecchio nel vedere gente che usa certi apparati senza criterio pensando di avere a che fare con un giocattolo da 30 euro. Certo è che se questi dispositivi venissero usati in maniera corretta, qui ad esempio in montagna, si potrebbe salvare qualche vita.
Grazie ancora per le risposte e buona giornata a tutti

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #4 il: Mar 19 Mag, 10:27 2020 »
Modulatore, hai pienamente ragione riguardo al telefono satellitare! Diciamo però che sono stato tentato dalla possibilità di spendere 30 euro contro i 300 o più per un dispositivo che mi porterei appresso solo per due/tre settimane l'anno

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #5 il: Mar 19 Mag, 11:22 2020 »
@MIKEP
La questione soccorso in montagna è una croce che ci portiamo dietro dalla notte dei tempi solo perché in Italia nessuno si è mai voluto realmente dare da fare per ufficializzare una frequenza radio a uso escursionistico. Hanno fatto qualcosa quelli di Rete Radio Montana, ma si tratta di un progetto molto lontano dall'assicurare una realtà possibilità di soccorso, dal momento che si basa sul numero di escursionisti attivi in quel momento, sperando che abbiano la radio accesa e sfruttando l'unico sistema aperto a tutti: quello del PMR che, per la sua esigua potenza, già di per sé parte col piede sbagliato per le attività di soccorso.

Quindi, tutto si riduce a un discorso molto semplice: o se la sente di rischiare, oppure si affida all'unica soluzione possibile, cioè il telefono satellitare. Consideri poi un altro aspetto: ormai tutti i ponti radioamatoriali sono sotto subaudio e addirittura quelli in UHF hanno shift diversi. Se lei non conosce le esatte impostazioni dell'impianto, corre il rischio di non farsi comunque sentire in caso di necessità.

Consiglio spassionato: oggi l'esame di radioamatore non è più quello scoglio per alcuni insormontabile che è stato fino a pochi anni fa. Oggi basta leggere con attenzione il Nerio Neri e le probabilità di passarlo anche al primo tentativo diventano molto concrete. Ci provi!
73 de IW3HQD

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #6 il: Mar 19 Mag, 12:08 2020 »
@IW3HQD
Esatto, nella mia ignoranza pensavo proprio a questo. Possibile che non esista una frequenza unica adibita a soccorso con relativi ponti radio da usare esclusivamente in caso di emergenza quando non vi è copertura telefonica?
Dopodiché potrebbero vendere degli apparati radio con una potenza maggiore rispetto ai ridicoli 0,5 watt in grado di trasmettere esclusivamente su quella frequenza.
Altra cosa utile sarebbe vietare la vendita di apparati tipo baofeng a persone senza licenza.
Così si sarebbero risolti due grandi problemi: quello del soccorso e quello delle persone che usano questi apparati senza coscienza.
Magari il mio ragionamento è assurdo, in Italia però purtroppo le cose semplici non sono contemplate e alcune leggi vanno a creare dei paradossi. Mi sembra ad esempio assurda la libera detenzione di apparati radio. Uno cosa lo compra a fare un baofeng? Per tenerlo in vetrina?
Grazie per l'incoraggiamento comunque, sto valutando seriamente di rimettermi a studiare.

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #7 il: Mar 19 Mag, 12:13 2020 »
Citazione
Possibile che non esista una frequenza unica adibita a soccorso con relativi ponti radio da usare esclusivamente in caso di emergenza quando non vi è copertura telefonica?
Chi la gestisce? Chi la mantiene? Quali sono i criteri di accesso? Forse adesso con le radio digitali si potrebbe prevedere un protocollo particolare in DMR, ma il costo di tali radio è ancora molto elevato e la loro programmazione non è esattamente intuitiva.

Citazione
Altra cosa utile sarebbe vietare la vendita di apparati tipo baofeng a persone senza licenza.
Vietare la vendita di TUTTI gli apparati a persone senza licenza! Ci provarono tanti anni fa, poi vi fu la rivolta dei ranocchi nello stagno del buon Marcucci e tutto naufragò. Oggi, nell'era dell'e-commerce, ciò è praticamente impossibile.

Citazione
Uno cosa lo compra a fare un baofeng? Per tenerlo in vetrina?
Nella normalità delle cose, uno dovrebbe comprare un Baofeng solo dopo essersi informato se può farlo... Purtroppo la pubblicità volutamente falsante (che li spaccia per generici "walkie-talkie") sta facendo cadere nella loro rete centinaia di persone....
73 de IW3HQD

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #8 il: Mar 19 Mag, 13:38 2020 »
Citazione
Peccato che in Italia non esista il buonsenso, vi ho spiegato l'uso che farei io, peccato però che ci debbano andare di mezzo tutti solo perchè esistono delle persone che si divertono a fare cose oscene in radio.
Non è però un discorso di bravi e cattivi, la frequenza è una cosa seria e proprio per questo esiste il codice delle comunicazioni ed il piano nazionale ripartizione delle frequenze, è così in Italia come nel resto del mondo ognuno con modi propri atte a preservare un bene comune usato dal semplice dilettante alle forze dell’ordine, ambulanze e mille altri servizi comprese quelli militari, telefonici, radiotelevisivi ecc. Tutto è regolamentato come lo è ad esempio il codice della strada e nulla è lasciato al caso.

Esistono servizi a disposizioni di tutti come la banda cb o quella pmr/lpd che sono di libero uso oppure le bande di frequenza assegnate ai radioamatori, poi ci sono frequenze, cioè quasi tutte, dove serve una apposita autorizzazione e un contributo economico da pagare, insomma è un mondo vasto e complicato ma negli ultimi anni si è diffusa una certa idea che siccome adesso esistono i Baofang tutto fare acquistabili a 20 euro allora tutto è consentito, sarebbe un po' come dire che se le automobili domani costasse 20 euro allora le possono guidare anche chi non ha la patente.

Citazione
Possibile che non esista una frequenza unica adibita a soccorso con relativi ponti radio da usare esclusivamente in caso di emergenza quando non vi è copertura telefonica?
Se consideri che nonostante i ripetitori telefonici sono in ogni dove anche in montagna ma ancora manca la copertura in tante zone specie se impervie e anche non ti lascio immaginare che una rete radio che per ragion di logica dovrebbe avere una copertura migliore della rete cellullare (sennò si fa prima a usare il cellulare) sarebbe un’infrastruttura gigantesca ultra costosa da realizzare e peggio da mantenere, insomma è un bel problema, la montagna non è il mare dove con un unico sistema di ascolto si ha già una copertura enorme e senza zone d'ombra.

Citazione
Diciamo però che sono stato tentato dalla possibilità di spendere 30 euro contro i 300 o più per un dispositivo che mi porterei appresso solo per due/tre settimane l'anno
La sicurezza non ha prezzo e avresti lo strumento migliore ma se fai il ragionamento che tanto mi serve poche volte all’anno allora sbagli. Anch’io esco con la barca poche volte l’anno ma la vhf di bordo l’ho messa lo stesso anche se non mi era obbligatorio.

Nello specifico del tuo problema o simili però, il vero problema di base non è tanto il dover in caso di necessità usare delle frequenze di cui non si è autorizzati ma è soprattutto che dovrai portare con te una ricetrasmittente che non sei autorizzato a detenere. Scusami l’ennesimo esempio radio-arma ma è simile a portarsi dietro un fucile da caccia senza essere autorizzati, poi se spari al fagiano non importa a nessuno ma intanto hai con te un fucile. :)

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #9 il: Mar 19 Mag, 14:21 2020 »
@Modulatore
Sono d'accordo con te! Il paragone radio-arma è molto chiaro, ci tengo però a farti notare che fortunatamente serve una licenza anche solo per detenere l'arma; penso quindi che il problema di fondo sia legge! È inutile lamentarsi se succedono certe cose quando ti tirano dietro radio tipo baofeng anche dal panettiere per qualche decina di euro!
Riguardo al discorso dei ripetitori (sono ignorante in materia, quindi perdonatemi se sparo qualche boiata), Non tutte le escursioni in montagna sono in zone impervie; da un'altura o da una vetta non si riuscirebbero a beccare ripetitori distanti decine e decine di chilometri.
Vi faccio sempre l'esempio della mia baita: con dieci/quindici minuti di camminata arrivo ad un altipiano di 2200 metri con visuale aperta verso altre cime e valli. Vi lascio allegata la foto così valutate anche voi (anche dove ho scattato la foto non vi è copertura per le chiamate d'emergenza). Potenzialmente quanti ripetitori potrei beccare da qui?

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #10 il: Mar 19 Mag, 14:24 2020 »

Chi la gestisce? Chi la mantiene? Quali sono i criteri di accesso? Forse adesso con le radio digitali si potrebbe prevedere un protocollo particolare in DMR, ma il costo di tali radio è ancora molto elevato e la loro programmazione non è esattamente intuitiva.

Queste sono domande a cui non so risponderti! Ti ho fatto questo esempio perchè ho un amico che vive in Svizzera e lì questo servizio è attivo da anni e funziona da dio. Magari lo sapevate già, vi lascio però il link alla pagina della rete radio di soccorso svizzera.
Fatemi sapere cosa ne pensate
https://www.bakom.admin.ch/bakom/it/pagina-iniziale/frequenze-antenne/utilizzo-delle-frequenze-con-o-senza-concessioni/impianti-non-soggetti-a-concessione/chiamate-radio-di-soccorso-in-svizzera-e-impiego-di-plb.html

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #11 il: Mar 19 Mag, 14:31 2020 »
Il servizio svizzero è conosciuto da molti anni.
Ma paragonare la Svizzera con l'Italia almeno in questo campo è come confondere la lana con la seta.....
73 de IW3HQD

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #12 il: Mar 19 Mag, 17:14 2020 »
Citazione
ci tengo però a farti notare che fortunatamente serve una licenza anche solo per detenere l'arma
Esattamente come le ricetrasmittenti anche se queste si possono detenere solo se rese non operative, ovvero non collegate a una fonte di alimentazione o ad un’antenna.

Citazione
Non tutte le escursioni in montagna sono in zone impervie; da un'altura o da una vetta non si riuscirebbero a beccare ripetitori distanti decine e decine di chilometri.
Da simili altezze senti anche i ripetitori del sud Italia se si è al nord e viceversa, si coprono distanze impensabili purché di mezzo non ci siano altri promontori, quindi di fatto puoi non sentire un ripetitore distante pochi chilometri e riceverne invece un altro distante centinaia, le variabili sono tante ma anche le potenzialità dovute alla quota.

Citazione
in Svizzera e lì questo servizio è attivo da anni e funziona da dio
Purtroppo non siamo in Svizzera e considera poi che da noi il territorio montuoso è ben più ampio e questo complica molto le cose.

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #13 il: Mar 19 Mag, 17:21 2020 »
Citazione
Esattamente come le ricetrasmittenti anche se queste si possono detenere solo se rese non operative, ovvero non collegate a una fonte di alimentazione o ad un’antenna.
Questo è un altro falso mito da smentire.
La legge non fa distinzione in questo senso, parlando di mera DETENZIONE o di IMPIANTO ed ESERCIZIO di una stazione radio. Siccome in giurisprudenza ogni parola ha un preciso significato, vi invito a riflettere su quello delle prole scritte in maiuscolo.....
73 de IW3HQD

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #14 il: Mar 19 Mag, 18:35 2020 »
Beh non esattamente, esiste infatti un limite in cui un determinato oggetto non riesce più a svolgere ciò per cui è stato progettato, ad esempio una ricetrasmittente guasta e quindi assolutamente non più operativa non è più da ritenersi tale se non un apparecchio da rottamare anche se basta molto meno come appunto la mancanza di una fonte di alimentazione, basti pensare ai tanti collezionisti che pur non avendo nemmeno un nominativo detengono scafali pieni di ricetrasmittenti e che a questo punto andrebbero tutti denunciati, è chiaro però che a volte invece si tratta di una situazione sul filo del rasoio, vedi ad esempio chi porta con sé il portatile senza la batteria tenendola però nell’altra tasca. Fatta la legge trovato l’inganno si dice in questi casi anche se poi in un eventuale processo ogni giudice darà una sentenza diversa per propria interpretazione, di certo però bisogna stare attenti perché ci vuole poco a cadere nel torto.

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #15 il: Mer 20 Mag, 10:46 2020 »
Citazione
ci tengo però a farti notare che fortunatamente serve una licenza anche solo per detenere l'arma
Esattamente come le ricetrasmittenti anche se queste si possono detenere solo se rese non operative, ovvero non collegate a una fonte di alimentazione o ad un’antenna.

Con il mio ragionamento volevo appunto far notare l'assurdità di questa legge. Per eliminare il problema basta vietare la vendita a chi è sprovvisto di licenza. Altrimenti fanno tutti quello che vogliono e poi al momento del controllo esibiscono la radio smontata. Che assurdità è questa?
Visto che tu hai citato più volte le armi... Se tutti girassero con una pistola smontata cosa diavolo verrebbe fuori?
Suvvia ragazzi

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #16 il: Mer 20 Mag, 10:49 2020 »
Il servizio svizzero è conosciuto da molti anni.
Ma paragonare la Svizzera con l'Italia almeno in questo campo è come confondere la lana con la seta.....
Già, ha pienamente ragione.
È molto triste però ogni volta dover concludere un ragionamento con "che vuoi, siamo in Italia"

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #17 il: Mer 20 Mag, 23:43 2020 »
Va però sottolineato che le armi servono per uccidere mentre le radio servono per comunicare e al massimo si può causare un’interruzione di pubblico servizio o comunque rompere le P a qualcuno, poi se uno è tanto scemo finisce anche male ma questi sono casi estremi forse mai successi.

Vietare la vendita è in ogni caso una parola grossa e a rimetterci sarebbero solo i commercianti del settore mentre i pirati di turno continuerebbero la loro attività che tanto con la globalizzazione è praticamente impossibile vietare di comprare qualcosa che negli altri paesi non è invece vietato.

Offline sak.099

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #18 il: Gio 21 Mag, 11:56 2020 »
Concordo pure io con Modulatore. Chiaramente bloccare la vendita con la globalizzazione è praticamente impossibile. I pirati continuerebbero a esistere.
Però la maggior parte delle persone comprano questi oggetti convinti che siano dei semplici pmr quindi vietarne la vendita causerebbe una dimuzione drastica di questi apparati.
Ti invito a fare una prova: vai su Amazon e digita radioline. Tra i primi risultati hai proprio un baofeng.
Amazon non specica che è necessario avere la patente. Puoi quindi immaginare quanta gente li compra e non è consapevole dei danni che può causare. Queste persone sono di gran lunga superiori numericamente ai pirati.
Quindi vieta la vendita, i pirati continueranno ad esistere comunque, però elimini le persone che sono convinte di avere un walkie talkie in mano.
Parere mio, posso sbagliarmi
73 a tutti

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #19 il: Gio 21 Mag, 15:20 2020 »
Con il vietare si ridurrebbe il problema ma non lo risolverebbe affatto, il vero problema è che chi vende non ha regole, l'importante è fare soldi e per ottenere questo fanno passare apparati ricetrasmittenti non di libero uso e funzionanti in qualsiasi frequenza come radioline per famigliole in vacanza, anzi spesso ci mettono veramente di queste immagini, basti guardare in rete e sbuca anche il bambinetto che gioca con il Baofeng.

Il calcolo da fare è molto semplice, se scrivo che tutti le possono usare ne vendo mille al giorno ma se scrivo che necessita di patente di radioamatore ne vendono 10 al giorno e forse neanche quelle, poi il risultato sul conto corrente del venditore parla da sé.

Offline IK3OCA

  • Newbie
  • *
  • Post: 40
  • Karma: 4
Re:Situazione di necessità
« Risposta #20 il: Ven 05 Giu, 23:02 2020 »
Salve, se la situazione è di necessità va bene tutto nei limiti della ragionevolezza. In caso di necessità si può fare in strada una larigectomia con un coltello.
Dipende dal rapporto urgenza / trasgressione, se è valido nessuno ti condanna.

73 Rosario


Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #21 il: Ven 05 Giu, 23:40 2020 »
Il problema però è che portarsi dietro una ricetrasmittente sapendo di non poterlo fare è una cosa preventivata e che c'entra ben poco con la casualità degli eventi, a questo punto potrei pure portare con me una pistola perché sapendo di dover attraversare un bosco potrei essere aggredito da un orso o da un lupo ma questa non è una scusante per girare armato senza esserne autorizzato.

Offline SWL-181-TO

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 750
  • Karma: 20
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
Re:Situazione di necessità
« Risposta #22 il: Sab 06 Giu, 07:38 2020 »
Tornando in topic. il discorso è semplice. Quando mi capita di andare per boschi nella mia zona la radio non la porto nemmeno con me. È inutile. Cado e mi rompo qualcosa, cosa faccio? Chiamo su tutti i ponti nella zona sperando? Sperando cosa? Che qualcuno prenda in carico la mia emergenza? Per come vanno le cose mi ritrovo con un logorroico, un portantaro?
Ipotesi peggiore; principio di infarto, i minuti sono preziosi.
No, telefono sat tutta la vita. Ormai lo uso abitualmente.ancbe all'estero, molto comodo. Pagato 190 euro usato  funziona benissimo e non devo incrociare le dita.
Purtroppo dovendo pensare ad un uso del genere non posso affidarmi al caso. Tuo figlio non è un centralinista e non passa, spero per lui, ore in ascolto. Tu potresti avere bisogno immediato e devi poter chiamare. Alla fine i telsat costano come un mediocre android . Io ho un Thuraya. Funziona sempre, funziona bene.
Piccole radio, piccole potenze, grandi soddisfazioni.

Offline IW9BID

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1856
  • Karma: 63
  • Sesso: Maschio
    • https://www.qrz.com/db/IW9BID
Re:Situazione di necessità
« Risposta #23 il: Sab 06 Giu, 08:28 2020 »
Tornando in topic. il discorso è semplice. Quando mi capita di andare per boschi nella mia zona la radio non la porto nemmeno con me. È inutile. Cado e mi rompo qualcosa, cosa faccio? Chiamo su tutti i ponti nella zona sperando? Sperando cosa? Che qualcuno prenda in carico la mia emergenza? Per come vanno le cose mi ritrovo con un logorroico, un portantaro?
Ipotesi peggiore; principio di infarto, i minuti sono preziosi.
No, telefono sat tutta la vita. Ormai lo uso abitualmente.ancbe all'estero, molto comodo. Pagato 190 euro usato  funziona benissimo e non devo incrociare le dita.
Purtroppo dovendo pensare ad un uso del genere non posso affidarmi al caso. Tuo figlio non è un centralinista e non passa, spero per lui, ore in ascolto. Tu potresti avere bisogno immediato e devi poter chiamare. Alla fine i telsat costano come un mediocre android . Io ho un Thuraya. Funziona sempre, funziona bene.


Ciao, la Tua esposizione è molto chiara!
E inconfutabile ciò che ai scritto che in caso di vera necessità giova un sistema serio ed efficace come un telefono satellitare tutte le altre soluzioni sono inutili approssimative ed inefficaci compresa anche l'illegalità di chi non ha titolo a detenere e usare rtx.
Dato che è un argomento trito e ritrito la vera sfida è della serie il messaggio verrà compreso e pondersto in tutta la sua serietà?
Come al solito chi ha orecchie per intendere intenda.
73 de IW9BID

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #24 il: Sab 06 Giu, 09:05 2020 »
Come spesso accade si commette l’errore di prendere la via più semplice ed economica e poi si va avanti a suon di forse: forse non verrò denunciato, forse troverò un ripetitore, forse non sarò in una zona negativa, forse qualcuno mi ascolterà e forse qualcuno mi aiuterà ecc. Certo che se i presupposti sono questi siamo messi proprio bene, anzi io dire che forse uno non ci tiene affatto alla propria sicurezza.

Offline SWL-181-TO

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 750
  • Karma: 20
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
Re:Situazione di necessità
« Risposta #25 il: Sab 06 Giu, 09:23 2020 »
Non ho voluto affrontare l'argomento da un punto di vista legale. In caso di reale necessità, rubo anche una macchina della polizia. Le conseguenze le affronterò dopo. Ma non attraverso le montagne dell'Atlante con le ciabatte e un coltellino Svizzero ..
IMHO.
Piccole radio, piccole potenze, grandi soddisfazioni.

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #26 il: Sab 06 Giu, 09:37 2020 »
Il problema non è ma il dopo ma il prima, se si viene fermati per un controllo cosa gli diciamo! in fondo basta rubare la macchina della polizia prima della necessità per rendersene conto hi. :D

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #27 il: Sab 06 Giu, 15:08 2020 »
Vi ringrazio tutti per le risposte. Cerchiamo però, per favore, di essere realisti. Ho perfettamente compreso le vostre posizioni, seppure molte non le condivido. Permettetemi però una cosa.... Il paragone arma-radio ha veramente rotto le scatole!
Seppur entrambi i paragoni mirino a descrivere una situazione illegale, trovo molto bigotto mettere sullo stesso piano un'arma atta ad offendere ed in grado di uccidere qualcuno con una ricetrasmittente.
Qui non stavo parlando di prendere una ricetrasmittente e di usarla in maniera spudorata fregandomi di tutto.
Vi ringrazio comunque per aver esposto le vostre posizioni (seppur non le condivida) in merito all'argomento.
Grazie a tutti e buona giornata!


Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #28 il: Sab 06 Giu, 19:14 2020 »
La mia non era una critica e ho capito che useresti la radio comunque con la testa. Lasciando perdere le armi allora facciamo il paragone con le mascherine, quando erano obbligatore, o le portano tutti o non le porta nessuno, quelli meglio degli altri non esistono, siamo tutti uguali e il concetto era questo, se non si può non si può, se non si deve non si deve punto e basta ed è inutile girarci intorno altrimenti ognuno fa quello che vuole perché ognuno ha le proprie paure, così fosse non esisterebbe alcuna differenza dal portarsi l’rtx non di libero uso o detenzione al mare piuttosto che in escursione, se tutti agissero in questo modo allora parleremo di anarchia ma non è giusto nemmeno che solo uno non rispetti le leggi perché gli sta bene così. Non te la prendere ma il messaggio che deve passare deve essere quello della legalità, poi ognuno è libero di fare come vuole ma credo che le informazioni corrette debbano essere sottolineate sennò chi leggerà farà come vorresti fare tu ...se lo fa lui allora perché non lo posso fare io! Sai come sono fatti gli italiani. :)

Offline SWL-181-TO

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 750
  • Karma: 20
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
Re:Situazione di necessità
« Risposta #29 il: Sab 06 Giu, 20:16 2020 »
Il problema è che in caso di reale necessità ti ritrovi con una radiolina inutile, un portantaro, un radioamatore dal rutto facile, e uno che mentre tu rantoli ti chiede il nominativo e forse un controllo perché ha cambiato il setting del mic gain. Insomma, un disastro annunciato.
Piccole radio, piccole potenze, grandi soddisfazioni.

Offline GianlucaB

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 500
  • Karma: 26
Re:Situazione di necessità
« Risposta #30 il: Sab 06 Giu, 20:44 2020 »
Intanto potevi chiedere se il ponte in questione è on-air e se è sufficientemente trafficato, perchè potrebbe pure che il ponte sia disattivo, e quindi poi la radio diventa totalmente inutile.

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #31 il: Dom 07 Giu, 15:21 2020 »
Gira e rigira non c'è nulla che vada bene tranne la speranza :) Si meglio dotarsi di qualcosa di adatto alla situazione sennò in caso di reale necessità ci si deve aggrappare alla buona sorte e non ad un mezzo valido.

Offline charles_forever

  • Full Member
  • ***
  • Post: 228
  • Karma: 13
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #32 il: Lun 08 Giu, 11:23 2020 »
Io sono d'accordo con chi sostiene che in Italia, Paese prevalenemente montuoso, manchi un servizio come c'è in Isvizzera!
Al di là di questo, consiglio senz'altro il telefono satellitare, non per la legalità solamente, ma soprattutto per l'alta precentuale di successo nelle chiamate.
L'unica situazione in cui io vedrei positivamente l'uso di una radio, in una baita d'alta quota, sarebbe il collegamento con fondovalle. Due radio CB, con buone antenne sui tetti, una sulla baita e l'altra a fondovalle, a casa di qualcuno, come hanno sempre fatto i rifugi d'alta montagna e le funivie. Una radio in basso e una radio in alto. La buona potenza (5 Watt) di una radio CB consente un'ottima linea, anche in caso di maltempo (caso mai con antenne in corto circuito per i fulmini).
Esattamente come in mare, è sufficiente dare appuntamenti a ore fisse, o fissare dei momenti di ascolto garantito, è un buon supporto. Ma quando cìè in ballo la vita, ci vuole qualcosa che funzioni all'istante, come il telefono.

Charles

Offline in3eqa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 584
  • Karma: 17
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #33 il: Lun 08 Giu, 12:14 2020 »
Personalmente sui miei apparati Motorola/Hytera ho anche programmato la frequenza del trasponder VVF a livello provinciale. Lo scorso anno, mentre mi capitò di dover eseguire una rianimazione sono stato a un passo dal far eseguire la chiamata di soccorso tramite trasponder radio VVF. Questo perché la prima chiamata telefonica al 112 si interruppe e passarono altri due minuti prima di riuscire a eseguire la chiamata successiva. Parlo di rianimazione, persona incosciente e pericolo di vita immediato. Anche i secondi sono preziosissimi. Solo in caso di GCS (scala di Glasgow) uguale o inferiore a otto mi permetterei di chiamare direttamente su una rete radio di un ente. Sempreché fallisca il primo contatto telefonico. In qualunque altro caso con GCS uguale o superiore a 9 mi appoggerei su uno dei vari ripetitori amatoriali, dal momento che il pericolo di vita non risulta immediato.
Questa la mia visione anche da "addetto ai lavori", essendo anche abilitato al soccorso in ambulanza. Quindi so valutare il livello di coscienza in caso di malore o trauma etc etc... Oltre a disporre di apparati nati per il soccorso, indistruttibili. Chiaramente sono un caso molto particolare.

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #34 il: Lun 08 Giu, 12:27 2020 »
Attenzione, non facciamo passare messaggi fuorvianti.
Anche sotto un profilo strettamente legale, SOLO UN MEDICO può effettuare correttamente la valutazione clinica di qualsiasi paziente. Viceversa, un volontario del soccorso (per quanto preparato) non dovrà in alcun modo avventurarsi in valutazioni che non gli competono. Perché poi alla fine, nel malaugurato caso di lesioni permanenti o morte, tutto si riduce a mera questione risarcitoria.
Per cui, prima che questo topic prenda derive molto imbarazzanti, ricordiamo che la prima cosa da fare è quella di assicurare un corretto BLS (se preparati allo scopo) e mettersi in contatto con i soccorsi. Niente altro.

Ora, tornando IT, devo dire che ogni volta che si parla di soccorso sanitario in ambiente impervio e ricetrasmittenti vengono fuori le teorie più strane. Va ribadito che, a livello autorizzativo, la "radio a scopo preventivo" non esiste: quindi tutti coloro che non sono autorizzati alla detenzione di determinati apparati, molto semplicemente non li devono portare con sé. Per coloro i quali sono in possesso di AG, la radio va considerata esclusivamente come uno strumento in più (ma non sostitutivo) rispetto ai normali sistemi di comunicazione (leggi telefono cellulare o satellitare). La diffusione dei ponti ripetitori radioamatoriali è inoltre tale che basta avere con sé in formato digitale la lista ponti di ik2ane per sapere esattamente con cosa potersi collegare. Infine, l'accesso a ponti civili o militari per motivi di soccorso potrebbe comunque esporre chi lo fa a ulteriori conseguenze, quantomeno a dover dare spiegazioni.....
73 de IW3HQD

Offline in3eqa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 584
  • Karma: 17
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #35 il: Lun 08 Giu, 18:39 2020 »
Ora, tornando IT, devo dire che ogni volta che si parla di soccorso sanitario in ambiente impervio e ricetrasmittenti vengono fuori le teorie più strane. Va ribadito che, a livello autorizzativo, la "radio a scopo preventivo" non esiste: quindi tutti coloro che non sono autorizzati alla detenzione di determinati apparati, molto semplicemente non li devono portare con sé. Per coloro i quali sono in possesso di AG, la radio va considerata esclusivamente come uno strumento in più (ma non sostitutivo) rispetto ai normali sistemi di comunicazione (leggi telefono cellulare o satellitare). La diffusione dei ponti ripetitori radioamatoriali è inoltre tale che basta avere con sé in formato digitale la lista ponti di ik2ane per sapere esattamente con cosa potersi collegare. Infine, l'accesso a ponti civili o militari per motivi di soccorso potrebbe comunque esporre chi lo fa a ulteriori conseguenze, quantomeno a dover dare spiegazioni.....

Concordo con quanto riportato. Il caso di specie che ho illustrato è certamente un evento del tutto unico. Si è trattato dell'evento più difficile da gestire e che impone decisioni immediate. Se si fosse prolungata la difficoltà a ristabilire il contatto telefonico, avevo immediatamente valutato che un eventuale allertamento su un ripetitore amatoriale fosse una perdita di tempo improponibile. Non avrei quindi esitato alla trasmissione sulla rete VVF. Poi, giustamente, avrei poi fornito tutte le motivazioni, se richiesto. Ciò non si rese comunque necessario e l'allertamento avvenne tramite contatto telefonico, fornendo le informazioni nel modo più corretto possibile (chi lavora in una centrale operativa, soprattutto sanitaria, pone le domande secondo una ben precisa sequenza).

Offline IK3OCA

  • Newbie
  • *
  • Post: 40
  • Karma: 4
Re:Situazione di necessità
« Risposta #36 il: Lun 08 Giu, 23:09 2020 »
Mi pare che si faccia confusione: altro è dover affrontare una situazione di grave urgente necessità, in cui è tutto lecito compreso infrangere leggi entro la ragionevolezza, altro è essere in presenza di un forte e immediato rischio di eventi gravi, in cui è ragionevole anche portarsi dietro anche roba normalmente vietata se non si può fare altrimenti seguendo le leggi, e altro è munirsi di attrezzi illegali in vista di una necessità di cui non appaia l'urgenza e per cui è possibile organizzarsi per tempo con roba lecita.

73 Rosario


Offline SWL-181-TO

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 750
  • Karma: 20
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
Re:Situazione di necessità
« Risposta #37 il: Mar 09 Giu, 08:01 2020 »
OFF TOPIC ON
Attenzione, non facciamo passare messaggi fuorvianti.
Anche sotto un profilo strettamente legale, SOLO UN MEDICO può effettuare correttamente la valutazione clinica di qualsiasi paziente. Viceversa, un volontario del soccorso (per quanto preparato) non dovrà in alcun modo avventurarsi in valutazioni che non gli competono. Perché poi alla fine, nel malaugurato caso di lesioni permanenti o morte, tutto si riduce a mera questione risarcitoria.
Per cui, prima che questo topic prenda derive molto imbarazzanti, ricordiamo che la prima cosa da fare è quella di assicurare un corretto BLS (se preparati allo scopo) e mettersi in contatto con i soccorsi. Niente altro.

Sagge parole, troppo spesso i volontari si trasformano in Rambo, e questo capita sia al volante dei mezzi che in generale sulla realtà operativa.
In 20 anni di CRI ho combattuto (spesso aspramente) questi atteggiamenti.
Anche se ancora in forza ho, di fatto, smesso di appoggiare un sistema sbagliato.

OFF TOPIC OFF
Piccole radio, piccole potenze, grandi soddisfazioni.

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #38 il: Mar 09 Giu, 10:20 2020 »
Ho ricevuto il messaggio, grazie. Penso anch'io che in una situazione di emergenza nessuno venga a contestare come si ha agito. La radio se ne starebbe sempre spenta in fondo allo zaino salvo caso di necessità.
Collegamenti con CB purtroppo non se ne riescono a fare perchè non c'è visibilità con la valle.
Per quelli che mi hanno chiesto info sul ponte mi sono informato. Da quella posizione si aggancia tranquillamente un ponte radio collegato con svxlink che interconnette i vari ponti in tutta la mia regione e si aggancia tranquillamente un ripetitore del link nazionale. Quindi penso sia statisticamente impossibile che non mi senta qualcuno.
Per quanto riguarda il telefono satellitare ci si trova di fronte a spese molto importanti, o sbaglio? Oltre all'apparato c'è da considerare anche il canone di abbonamento.
Grazie ancora per le gentili risposte.
Il mio ultimo acquisto? Il Nerio Neri

Offline charles_forever

  • Full Member
  • ***
  • Post: 228
  • Karma: 13
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #39 il: Mar 09 Giu, 10:28 2020 »
Ottimo acquisto, oltre a quello ti suggerisco di cercare, tra le varie sezioni ARI che sono su Internet, i quiz che ricalcano i quiz d'esame presso le sedi del MISE.
Oggi una persona di cultura medio-alta, usando questi due strumenti, ed avendo un po' di iniziativa, passa tranquillamente l'esame da privatista, cioè anche senza iscriversi preventivamente all'ARI e seguire l corso propedeutico, comunque anche quello fa.
Aspettiamo per darti il benvenuto!

Charles (IU4FMS)

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #40 il: Mar 09 Giu, 11:01 2020 »
Citazione
Collegamenti con CB purtroppo non se ne riescono a fare perchè non c'è visibilità con la valle.
Non è una questione di visibilità con la valle, anzi a 27 mhz il problema degli ostacoli è meno presente in virtù della frequenza più bassa rispetto alla v-uhf, il problema è che con una antenna cb da portatili non arriverai neanche in fondo al corridoio di casa. :)

Citazione
La radio se ne starebbe sempre spenta in fondo allo zaino salvo caso di necessità.
Il problema è non è che è spenta ma che ce l'hai, comunque se passi l'esame potrai portare con te anche un carro armato quindi tanto vale farla e poi se tutto va bene non ci pensi più.

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #41 il: Mar 09 Giu, 11:03 2020 »
Citazione
La radio se ne starebbe sempre spenta in fondo allo zaino salvo caso di necessità.
E già questo, in mancanza di AG, costituisce un illecito.....

Citazione
Quindi penso sia statisticamente impossibile che non mi senta qualcuno.
Di sicuro al mondo ci sono solo le tasse e la morte. Oltretutto, ricordiamoci che in pochi si sentirebbero di rispondere e gestire una chiamata di emergenza da parte di una persona sprovvista di nominativo, che potrebbe anche essere un buontempone e creare un procurato allarme.

Citazione
Per quanto riguarda il telefono satellitare ci si trova di fronte a spese molto importanti, o sbaglio? Oltre all'apparato c'è da considerare anche il canone di abbonamento.
Oggi non più. Un buon satellitare costa come uno smartphone di media tacca. Per il canone di abbonamento, bisogna vedere quali sono le tariffe dei singoli gestori.
73 de IW3HQD

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #42 il: Mar 09 Giu, 11:07 2020 »
Citazione
...e si aggancia tranquillamente un ripetitore del link nazionale.
Dimenticavo: fare una chiamata di emergenza sul link nazionale! ma lo sai di cosa stai parlando! tu affideresti la vita a chi spara rutti tutto il giorno via radio?

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #43 il: Mar 09 Giu, 11:36 2020 »
Il grosso problema quando si parla di radio e montagna è sempre quello.
Avere dietro una radio:
1) fa figo
2) hai una roba che gli altri non hanno
3) nei rifugi ti senti guardato come un dio, in un misto di ammirazione e imperitura riconoscenza
4) siamo tutti "protezione civile"
5) siamo tutti "soccorso alpino"
6) "cucchi" alla grande!

 çç42
73 de IW3HQD

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #44 il: Mar 09 Giu, 12:32 2020 »
Citazione
E già questo, in mancanza di AG, costituisce un illecito.....
In realtà no, mi spiego meglio. Detto da un amico avvocato e radioamatore: se l'apparato è impossibilitato a trasmettere non vi è alcun illecito. L'anno scorso sono stato in Germania, ho acquistato per lui una yaesu ftm 400 usata. Al Brennero sono stato fermato dalla polizia italiana, la radio era in bella vista e non mi è stato chiesto nulla. Secondo controllo da una pattuglia fuori dal casello di Milano e pure lì si è ripetuta la stessa identica situazione. La radio è stata completamente ignorata.

Citazione
Dimenticavo: fare una chiamata di emergenza sul link nazionale! ma lo sai di cosa stai parlando! tu affideresti la vita a chi spara rutti tutto il giorno via radio?
[/quote] Tutti i radioamatori che occupano il link nazionale sarebbero quindi dei cafoni dal rutto facile? Penso che tu stia offendendo molti tuoi colleghi che lo occupano in maniera seria seguendo il codice etico del radioamatore. Odio quando viene fatta di tutta l'erba un fascio
Citazione
Di sicuro al mondo ci sono solo le tasse e la morte. Oltretutto, ricordiamoci che in pochi si sentirebbero di rispondere e gestire una chiamata di emergenza da parte di una persona sprovvista di nominativo, che potrebbe anche essere un buontempone e creare un procurato allarme.
Suvvia, un po' di fiducia nella società! Di gente che si mette a scherzare su queste cose ce n'è davvero poca. Poi quando si parla di una cosa così seria penso che si capisca quando una persona sta scherzano.
Citazione
Oggi non più. Un buon satellitare costa come uno smartphone di media tacca. Per il canone di abbonamento, bisogna vedere quali sono le tariffe dei singoli gestori.
Ti invito a dare un'occhiata alle varie tariffe proposte. Sono da capogiro.
Ottimo acquisto, oltre a quello ti suggerisco di cercare, tra le varie sezioni ARI che sono su Internet, i quiz che ricalcano i quiz d'esame presso le sedi del MISE.
Oggi una persona di cultura medio-alta, usando questi due strumenti, ed avendo un po' di iniziativa, passa tranquillamente l'esame da privatista, cioè anche senza iscriversi preventivamente all'ARI e seguire l corso propedeutico, comunque anche quello fa.
Aspettiamo per darti il benvenuto!

Charles (IU4FMS)
Grazie infinite IU4FMS, se otterrò la patente mi farebbe piacere sentirti in aria, davvero!
Il grosso problema quando si parla di radio e montagna è sempre quello.
Avere dietro una radio:
1) fa figo
2) hai una roba che gli altri non hanno
3) nei rifugi ti senti guardato come un dio, in un misto di ammirazione e imperitura riconoscenza
4) siamo tutti "protezione civile"
5) siamo tutti "soccorso alpino"
6) "cucchi" alla grande!

 çç42
Con tutto il rispetto IW3HQ, non so dove vivi. Dal basso della mia umiltà però ti posso dire che vivo in montagna e la frequento da una vita. Quello che hai scritto non corrisponde minimamente alla realtà, nella maniera più assoluta. Guardare una persona come un dio solo perchè ha una ricetrasmittente attaccata allo zaino? Eri ironico o parlavi sul serio? Perchè, sempre con il dovuto rispetto, questo mi sembra proprio un discorso da narcisista.
Siamo tutti soccorso alpino? Adesso tutti quelli che girano in montagna con una radio si sentono i padroni del mondo pronti a fare rambo impegnando ponti adibiti al soccorso? Ma stiamo scherzando ?!
Sempre con il dovuto rispetto, si vede che in montagna ci sei stato proprio poco. Perchè lo spirito di chi frequenta assiduamente la montagna è diametralmente opposto alle cavolate che hai appena detto.

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #45 il: Mar 09 Giu, 13:32 2020 »
Citazione
Detto da un amico avvocato e radioamatore: se l'apparato è impossibilitato a trasmettere non vi è alcun illecito.
Infatti è così ma con un portatile come fai! devi occultare la batteria o l’antenna per non essere perseguibile

Citazione
L'anno scorso sono stato in Germania, ho acquistato per lui una yaesu ftm 400 usata. Al Brennero sono stato fermato dalla polizia italiana, la radio era in bella vista e non mi è stato chiesto nulla. Secondo controllo da una pattuglia fuori dal casello di Milano e pure lì si è ripetuta la stessa identica situazione. La radio è stata completamente ignorata.
Infatti non essendo operativo lo potevi anche installare sul cruscotto e nessuno potrebbe contestarti nulla ..tanto non è utilizzabile se non è collegata ad una fonte di alimentazione o ad un’antenna.

Se hanno ignorato lo Yaesu però non significa che sarebbe stato lecito possederlo operativo, semplicemente lo hanno ignorato perché avevano altro a cui pensare.

Il problema di base però rimane sempre l’intenzione di fare quello che non si deve fare, ovvero portare con se un rtx funzionante di cui non si ha titolo, poi i trucchetti per non farsi beccare sono un altro discorso.

Citazione
Tutti i radioamatori che occupano il link nazionale sarebbero quindi dei cafoni dal rutto facile?
Tutti no ma quasi si e anche quelli che sembrano normali appena arriva il disturbatore di turno gli bestemmiano contro in barba all’ ham spirit e all’intelligenza. Personalmente a questi pseudo om (che poi bene o male sono sempre gli stessi) gli toglierei la patente e il vergognoso link nazionale lo farei chiudere come più volte è stato ribadito da molti radioamatori. Era nato con buone intenzioni ma si è trasformato in un insulto alla figura degli stessi radioamatori, se passano dieci minuti dove non succede nulla è già un miracolo e non ti dico durante le 24 ora cosa succede, io lo ascolto da una vita, praticamente da quando è sorto e nel tempo è diventato identico ai 45 metri prima che finissero tutti denunciati. Quando ho gente in casa e ho la radio accesa mi guardo bene di ascoltare li, di brutte figure ne ho già fatte pure in macchina e non ho dovuto neanche schiacciare il ptt. >:(

Citazione
Il grosso problema quando si parla di radio e montagna è sempre quello.
Avere dietro una radio:
1) fa figo
2) hai una roba che gli altri non hanno
3) nei rifugi ti senti guardato come un dio, in un misto di ammirazione e imperitura riconoscenza
4) siamo tutti "protezione civile"
5) siamo tutti "soccorso alpino"
6) "cucchi" alla grande!
Come sempre la verità sta nel mezzo, di cafoni stile protezione civile ce ne sono tanti e in tutti i settori montagna compresa e si notano così tanto che sembrano sempre la maggioranza.

Offline mikep

  • Newbie
  • *
  • Post: 19
  • Karma: 0
Re:Situazione di necessità
« Risposta #46 il: Mar 09 Giu, 14:36 2020 »
Citazione
Infatti è così ma con un portatile come fai! devi occultare la batteria o l’antenna per non essere perseguibile
Secondo la legge tuttavia non serve occultarli, basta che batteria e gommino siano rimossi e separati dalla radio. In caso di un eventuale controllo non viene compiuto nessun illecito quindi. L'illecito si verrebbe piuttosto a compiere quando si assembla la radio: uno però potrebbe assemblare la radio solo se costretto a trasmettere in condizioni di emergenza quando non vi è copertura telefonica. In tal caso dubito che qualcuno contesti l'utilizzo illegittimo che è stato fatto. Se il fine è lanciare una chiamata d'emergenza per una vita in pericolo nessuno probabilmente ti contesterà come hai effettuato la chiamata di soccorso.

Citazione
La radio se ne starebbe sempre spenta in fondo allo zaino salvo caso di necessità.
E già questo, in mancanza di AG, costituisce un illecito.....
Dal punto di vista legale potrei tranquillamente trasportare un portatile senza incorrere in nessuna sanzione.
Sono ragionamenti sterili, ne sono consapevole. Potremmo fare un discorso a parte su come vengono fatte le leggi in Italia ma di fatto questa è la realtà.

Citazione
Come sempre la verità sta nel mezzo, di cafoni stile protezione civile ce ne sono tanti e in tutti i settori montagna compresa e si notano così tanto che sembrano sempre la maggioranza.
Sono pienamente d'accordo. Volevo intendere però che di persone che si vantano solo perchè trasportano una radio o per essere, secondo IW3HQD, venerate da chissà chi io non ne ho mai viste.

Offline IW3HQD

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 726
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #47 il: Mar 09 Giu, 14:49 2020 »
Venite su un forum, fate le vostre domande e ve la prendete quando non ottenete le risposte che volete!
Allora fate una bella cosa: FATE QUELLO CHE VOLETE!
Non perdo tempo con gente così.
73 de IW3HQD

Offline in3eqa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 584
  • Karma: 17
  • Sesso: Maschio
Re:Situazione di necessità
« Risposta #48 il: Mar 09 Giu, 15:51 2020 »
In realtà no, mi spiego meglio. Detto da un amico avvocato e radioamatore: se l'apparato è impossibilitato a trasmettere non vi è alcun illecito. L'anno scorso sono stato in Germania, ho acquistato per lui una yaesu ftm 400 usata. Al Brennero sono stato fermato dalla polizia italiana, la radio era in bella vista e non mi è stato chiesto nulla. Secondo controllo da una pattuglia fuori dal casello di Milano e pure lì si è ripetuta la stessa identica situazione. La radio è stata completamente ignorata.

Anche io ho notato un sostanziale disinteresse per il controllo amministrativo da parte di operatori di polizia su apparati radioelettrici. Nel corso degli anni ho avuto occasione di essere oggetto in vari posti di controllo stradali da parte di ogni genere di polizia a ordinamento civile o militare. Mai chiesto nulla, né quando disponevo dell'Icom IC706MKIIG, né ora che ho installato un Hytera MD785, tra l'altro stesso modello largamente in uso a tanti servizi di soccorso. Nella mia zona capitò lo scorso anno la disavventura di un radioamatore oggetto di controllo stradale da parte di un operatore di polizia locale (con trascorsi nella "CB") e ne uscì una discreta disavventura per entrambi gli attori. I radioamatori devono conoscere bene la normativa per evitare di andare incontro a interpretazioni del tutto fuori luogo. Anche ciò che è riportato sui vari prontuari delle violazioni (EGAF o similari) è il sunto estremo della normativa e non comprende tutte le fattispecie di situazioni.

Offline Modulatore

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
  • Karma: 5
Re:Situazione di necessità
« Risposta #49 il: Mar 09 Giu, 16:19 2020 »
Citazione
Secondo la legge tuttavia non serve occultarli, basta che batteria e gommino siano rimossi e separati dalla radio. In caso di un eventuale controllo non viene compiuto nessun illecito quindi.
La questione non è così semplicistica, svito l’antenna e non possono contestarmi nulla non corrisponde alla realtà. Il problema è che questo è un punto critico facilmente contestabile poiché il confine è talmente sottile da poter dare interpretazioni diverse per la medesima situazione. Se ho la radio appoggiata sul sedile e l’antenna o la batteria a fianco significa che la radio non è operativa ma potenzialmente operativa, poi siccome le leggi sono bacucche perché fatte dagli uomini allora sulla questione se ne potrebbe discutere senza mai avere una risposta definitiva, si va appunto a discrezione del giudice.

Io ad esempio quando presi il nominativo misi allo scopeto tutte le mie radio senza temere finalmente più nulla poiché mi consentiva di installare la fantomatica stazione di radioamatore, che poi lo è anche un portatile, poi con l’autorizzazione generale venni anche autorizzato a trasmettere. Insomma uno le radio ce le ha o non ce le ha, poi a far finta di non usarle siamo tutti capaci. 

Citazione
In tal caso dubito che qualcuno contesti l'utilizzo illegittimo che è stato fatto. Se il fine è lanciare una chiamata d'emergenza per una vita in pericolo nessuno probabilmente ti contesterà come hai effettuato la chiamata di soccorso.
Forse non verrai sanzionato (forse) ma dovrai dare spiegazioni in merito alla detenzione ed uso anche se in condizioni di emergenza, se poi chi dovrebbe far rispettare le leggi non le fa rispettare beh allora facciamo tutti quello che vogliamo e fine.

Citazione
Anche io ho notato un sostanziale disinteresse per il controllo amministrativo da parte di operatori di polizia su apparati radioelettrici
Questo accade perché c’è un totale disinteresse e anche assoluta mancanza di conoscenza da parte delle forze dell’ordine e di fatto i guai arrivano solo quando becchi quello preparato ma è uno su migliaia.

 

free countersfree countersfree counters