Autore Topic: cavi di alimentazione  (Letto 64 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline SWL-181-TO

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 356
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
cavi di alimentazione
« il: Dom 15 Dic, 12:35 2019 »

Stavo leggendo i vari post e ne ho visto uno dove si tiravano in ballo i cavi di alimentazione.
Ebbene si! Nei nostri apparati sono importanti in quanto le potenze in gioco non sono piccole.
Su cavi inadeguati le cadute di tensione possono essere abbastanza importanti da generare piccoli e grandi problemi, dal surriscaldamento fino al malfunzionamento dell'apparato.
Partiamo da un paramentro di base:
L'alimentazione dei nostri apparati è solitamente compresa tra i 13 ed i 13,8 volt.
Io baserò i miei conticini su un valore medio 13,4V
Inoltre prenderò in considerazione 3 classi di assorbimento;
fino a 5A, fino a 10A, fino a 20A
Questo per semplificare i conti.
Inoltre altro parametro fondamentale; la lunghezza .
Diciamo 1 metro, che è una distanza ragionevole radio/alimentatore.
Nel primo caso dovrò avere un conduttore di sezione minima 0,7 mm2
Nel secondo 1,33
Nel terzo 2,68.
Quindi semplificando e considerando che in commercio si trovano facilmente 1-1.5 e 2.5 mm2, Possiamo dire che nel caso di cavi lunghi 1 metro con questi 3 valori accontentiamo tutti.
ATTENZIONE , la lunghezza incide molto, quindi se io ho 20A di assorbimento a 13.4 V ed un cavo lungo 2mt la sezione diventa 5mm2!!

I cavi di alimentazione originali io non li taglio mai, ma ho la buona abitudine di comprare un connettore adeguato e rifaccio il cavo della lunghezza giusta.

Spero di aver fatto un pochino di chiarezza, chi è interessato all'argomento deve necessariamente riguardarsi i manuali di elettrotecnica.
Se invece vi accontentate di avere il giusto cavo ora avete due dritte per non sbagliare.
Attenzione in auto, dove la lunghezza puù essere importante.
Un semplice veicolare VHF assorbe circa 10A massimi quindi stabiliamo 3 metri, avremo....:
Bisogno di una cavo da 4 mm2 .
Inoltre se la tensione è più bassa bisognerà aumentare la sezione , e poiche in auto potremmo trovarci a lavorare con 12.5v la sezione salirà a 5 mm2.
E non dimenticate che con il calore aumenta la resistenza, di conseguenza si innesca un meccanismo perverso...
L'effetto Joule non perdona!


Buon divertimento.

Ormai vige la cultura di Wikipedia, quella che rende tutti medici,astronomi, e..... radioamatori. ;(

Offline VFO-160

  • Full Member
  • ***
  • Post: 108
  • Karma: 7
Re:cavi di alimentazione
« Risposta #1 il: Dom 15 Dic, 22:22 2019 »
I cavi di alimentazione, questi sconosciuti. In quanti sanno queste cose! ammetto che nemmeno io le sapevo tutte. 

Offline IW9BID

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1252
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
    • https://www.qrz.com/db/IW9BID
Re:cavi di alimentazione
« Risposta #2 il: Lun 16 Dic, 09:23 2019 »
I cavi di alimentazione, questi sconosciuti. In quanti sanno queste cose! ammetto che nemmeno io le sapevo tutte. 

Ciao VFO-160, si può dire che una ripassatina ogni tanto alla legge di Ohm non faebbe male.
SWL-181-TO è stato preciso ed esaustivo su tale aromento.
Io aggiungerei anche che spesso anche i transceiver di buona marca utilizzano porta-fusibili economici ed è propio in quel determinato punto che a causa di un contatto elettrico non perfetto sale la resistenza e per effetto joule scalda tutto con vistose cadute di tensione ed anche bruciatura e scioglimento delle plastiche dei cavi elettrici e relativa distruzione dei porta-fusibili.
Quindi occhi aperti su tale problematica che non sottovalutata.
Buone cose a tutti.
73 de IW9BID

Offline SWL-181-TO

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 356
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
  • Without technician science is just a filosophy.
Re:cavi di alimentazione
« Risposta #3 il: Lun 16 Dic, 10:13 2019 »
Ecco , questa me ero dimenticata.
VERO! Visto in varie occasioni. Il punto di contatto con il fusibile è molto critico.
In particolare sui prodotti di classe economica.
Qui non ci sono possibilità, l'unica è usare un portafusibili di ottima qualità.
Aggiungo questa chicca che vi evita mal pancia e calcoli:

http://www.cmazzei.it/calcolo-online-dimensionamento-sezione-cavi-elettrici/


VI ricordo che la potenza si calcola P(W) = V*A

Puntate subito al valore massimo indicato sul manuale (giusto per non sbagliare).

Visto che ne avrete opportunità provate a cambiare le carte in tavola e noterete come si muovono i parametri variando potenza e lunghezza nonchè valore di tensione...
Tutta esperienza.
Ormai vige la cultura di Wikipedia, quella che rende tutti medici,astronomi, e..... radioamatori. ;(

Offline Norberto

  • Full Member
  • ***
  • Post: 143
  • Karma: 7
Re:cavi di alimentazione
« Risposta #4 il: Mer 18 Dic, 09:34 2019 »
Ottime indicazioni SWL-181-TO, da seguire senza indugi specie quando non si dispone del cavo fornito di serie.

 

free countersfree countersfree counters