Autore Topic: Primi passi radioamatoriali  (Letto 5415 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Duga-3

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
  • Karma: 0
Primi passi radioamatoriali
« il: Gio 25 Ago, 23:33 2016 »

Salve a tutti! come vi dicevo nella presentazione, è qualche anno che programmo di avviare (nelle hf) la mia attività radioamatoriale installando una stazione adeguata. A questo punto, però ho molti dubbi sulla dotazione da acquistare, perciò eccomi qui a chiedervi consiglio in merito.
Arrivato perciò il momento di scegliere come allestire la stazione, mi sono reso conto di una serie di problemi che non avevo preso in considerazione, vi chiedo perciò aiuto!

Mi piacerebbe sapere da voi un elenco di tutto l' indispensabile per avere una stazione che possa lavorare in sicurezza ed al meglio possibile. Io per ora ho programmato i seguenti acquisti e tornerò a breve a dare un occhiata in sezione ari per verificare tutto e rendermi meglio conto:

- RTX Yaesu Ft450d;
- Alimentatore (indeciso su switching o tradizionale.Avrei adocchiato un TD-14LL30, ma mi è stato consigliato anche un Proxel 6055 da 55 ampere);
- Cavi;
- Antenna (avendo buone capacità manuali e tanta curiosità, vorrei provare ad autocostruirne una).

Inizialmente se secondo voi è fattibile vorrei utilizzare il microfono e l'accordatore in dotazione. Se, invece, l'accordatore interno non è sufficiente provvederò all'acquisto di uno dedicato .

A tal proposito installerei la stazione in un appartamento al terzo piano della mia casa di famiglia. L'appartamento è circondato da un ampio balcone il cui lato lungo misura circa 16-18 metri, mentre quello corto una decina. In tale spazio vorrei collocare la mia antenna (volevo orientarmi su qualche tipo di filare multibanda). Al di sopra del mio appartamento c'è una mansarda abitata da mio fratello. Successivamente potrei piazzare anche qualcosa di più in giardino.

Grazie a chiunque voglia consigliarmi su quali cavi utilizzare, sulle messe a terra necessarie (casa mia è provvista del suo scarico a terra, ma da quanto mi pare di capire si rivelano necessarie due messe a terra: una per l'apparato ed una per l'antenna) e su qualunque altra cosa ritenete utile per l'approntamento della mia prima stazione radioamatoriale!


Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Sr. Member
  • *****
  • Post: 488
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #1 il: Gio 25 Ago, 23:46 2016 »
Domanda essenziale: hai nominativo radioamatoriale?
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline Duga-3

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
  • Karma: 0
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #2 il: Gio 25 Ago, 23:54 2016 »
Certo! L'ho anche scritto nella presentazione!

Il mio nominativo è IU6ERD

Offline Ducato70

  • Full Member
  • ***
  • Post: 249
  • Karma: 7
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #3 il: Ven 26 Ago, 09:12 2016 »
Ciao. Direi che puoi proseguire, lo Yaesu FT-450D sembra fatto apposta per chi vuole cominciare ad avvicinarsi alle HF, è veramente una splendida radio adatta non solo per chi è alle prime armi ma anche come rtx principale, poi di modelli ce ne sono a iosa e tutto dipende dalle tasche.

A riguardo dell’alimentatore ti dirò che le storielle tra il tradizionale e lo switching non la considero nemmeno più, possono dire quello che vogliono, ne ho provati tanti e ti dirò che switching o meno non ho visto chissà quali differenze o benefici, personalmente preferisco quelli tradizionali ma tu guarda soprattutto all’amperaggio onde evitare di doverlo sostituire.

Sui cavi dipende anche dal quanto ne andrai a usare, di base più spendi è meglio è quindi hai già capito :)

Antenna: se vuoi autocostruirla bene, in giro di progetti ne trovi tanti anche se magari una da comprare non fa mai male così potrai anche confrontarla con quella che farai tu e capirne le differenze.

Citazione
Inizialmente se secondo voi è fattibile vorrei utilizzare il microfono e l'accordatore in dotazione. Se, invece, l'accordatore interno non è sufficiente provvederò all'acquisto di uno dedicato.

Non c’è alcun motivo per non utilizzare il microfono in dotazione anche se nulla ti vieta di usarne uno diverso magari da tavolo e magari uno molto costoso.

L’accordatore entro contenuto basta e avanza, certo bisogna anche dire che se la tua antenna andrà a spasso con le stazionarie allora sarà colpa dell’antenna e non dell’accordatore.

Se hai un terrazzo così ampio la filare potrebbe anche starci anche se ogni soluzione è buona e se poi hai un giardino allora hai tutto , una verticale multi banda e non se ne parla più, poi naturalmente sul discorso massa è una cosa legata alla tipologia di antenna.

Offline GRANDEW

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 303
  • Karma: 16
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #4 il: Ven 26 Ago, 20:07 2016 »
Buona serata a tutti. Duga-3 ti servono poche cose, radio, alimentatore e antenna, tutto il resto è accessorio e comunque sono cose che puoi valutare in un secondo momento.

L’FT-450D non ha bisogno di presentazioni, se puoi acquistalo senza problemi almeno che tu non voglia qualcosa di fascia più alta.

Come antenna potrei consigliartele tutte poiché non conosco la tua reale situazione, se hai un piccolo giardino potresti optare per una verticale multi banda, mentre il cavo è da valutare in base alla lunghezza che ti servirà e se ne preferisci uno più flessibile piuttosto a qualcosa di più rigido.

Discorso alimentatore, il mio problema principale con gli alimentatori è sempre stata la rumorosità della ventola, ne ho avuti alcuni che ho dovuto vendere perché insopportabili quindi tieni conto anche di questo aspetto, per il resto 25-30 ampere bastano per tutto.

Offline Duga-3

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
  • Karma: 0
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #5 il: Sab 27 Ago, 00:45 2016 »
Siccome in questi giorni si fa più vicino il momento di acquistare il tutto, vorrei appunto definire questo "tutto" chiedendo consiglio ai più. Vi mostrerò, se può essere di aiuto il posto in cui vivo, in modo da poter fornire condizioni al contorno migliori per chi volesse consigliarmi. Ho misurato lo spazio del balcone che ricordo, corre tutto intorno al mio appartamento e misura 30 metri X 15 metri circa, per una profondità di circa 2,5 metri. Al piano sopra di me c'è un appartamento mansardato in cui vive mio fratello. Non ho problemi per l'accesso al tetto, ma vorrei farmi organizzare gli eventuali cavi da un elettricista di fiducia perchè non sono in grado di fare da me questo lavoro, in sicurezza. Ho disegnato una piccola pianta/planimetria per meglio spiegarmi:



La mia idea era quella di piazzare, inizialmente, un' antenna filare mediante un eventuale palo in balcone. Nella parte Ovest della casa ci sono, infatti, due canne fumarie adiacenti ad una delle stanze (in foto è quella che corrisponde alla finestra con la tapparella abbassata, dietro il sacco da pugilato) in cui potrei piazzare la radio:



Siccome, come potete vedere, il perimetro del balcone è alquanto grande (circa 90 metri lineari ) mi domandavo se c'è qualche tipo di antenna "orizzontale" da far correre lungo il parapetto. Vi mostro l'altro lato (quello lungo) del balcone che ho a disposizione:



Inoltre, ho fatto un piccolo schema per chiedervi se la configurazione è corretta ed iniziare a pianificare gli acquisti (oltre la radio a cui inizialmente, un neofita come me, pensa esclusivamente):



Da quello che mi par di capire, devo far organizzare due discese per la messa a terra: una per la radio ed una per l'antenna.  Per il cavo con cui collegare antenna e radio avrei scelto un BROAD-PRO 50 DJ della Messi e Paoloni (versione adatta ad essere interrata o immersa. Mi da maggior sicurezza.) o in alternativa un HYPERFLEX 10 della medesima ditta. Sulla scelta dei cavi sono andato a sensazione, leggendo qua e la ed orientandomi verso il top. Siccome un domani potrei cambiare radio sia per qualità che per quantità, ma non i cavi vorrei orientarmi su qualcosa di duraturo e qualitativamente impeccabile.
Come alimentatore sono indeciso sul Proxel da 55 ampere ed un lineare TD-14LL30, ma credo alla luce delle ultime risposte che mi orienterò sul primo.

Ho inserito tra la linea di casa e la radio un eventuale gruppo ups che avrei disponibile. Ho pensato, inoltre, che inizialmente potrei utilizzare microfono ed accordatore (come vi dicevo poco fa) per affrontare successivamente questi due acquisti. Gradirei sapere impressioni e consigli su questo mia idea, in maniera tale da correggere il tiro laddove necessario.

P.S.: Spero perdonerete nel caso avessi scritto qualche castroneria, come probabilmente sospetto.

Un caro saluto ed un abbraccio fraterno!




Offline Ducato70

  • Full Member
  • ***
  • Post: 249
  • Karma: 7
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #6 il: Sab 27 Ago, 10:30 2016 »
Secondo me ti stai ponendo troppi problemi e stai anche pensando a cose non strettamente necessarie, lo spazio non ti manca e potresti mettere quasi qualsiasi antenna, io punterei su di una verticale piuttosto che su di una filare, lo spazio c’è anche per entrambe.

Sul cavo invece fai bene a non risparmiarti, non che sia così fondamentale se non hai una discesa molto lunga ma è sempre meglio non pentirsene dopo, inoltre i cavi che hai scelto sono entrambi di ottima fattura, non solo elettricamente ma anche quel che riguarda la durata perciò vai tranquillo.

Idem per l’alimentatore, più ampere ci sono è meglio è in caso in futuro te ne servissero molti, una trentina bastano e avanzano comunque ma se non vuoi risparmiarti tanto vale spendere subito piuttosto che sprecare dopo.

Infine ti faccio notare che alcune cose non sono così fondamentali, il gruppo di continuità innanzitutto, se lo vuoi mettere bene ma non è poi così importante, magari va bene soprattutto per proteggere le apparecchiature da eventuali sbalzi di tensione.

Anche le due masse non sono necessarie, quella per l’antenna dipende dalla tipologia della stessa, se ad esempio fissi l’antenna su di un palo a sua volta fissato alla ringhiera metallica hai già la tua massa anche se basterebbe la stessa ringhiera a fare da massa naturalmente sverniciata nel punto d’appoggio per non dire poi che il solo palo è già sufficente, mentre per la radio hai già quella dell’impianto elettrico di casa, male non fa averne di dedicate ma questa è più che altro una tua scelta.

Offline GRANDEW

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 303
  • Karma: 16
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #7 il: Sab 27 Ago, 15:44 2016 »
In linea di massima tutte le tue intenzioni vanno bene, dipende dalle idee che hai in mente oltre che dalla disponibilità economica, io però comincerei ad acquistare il materiale e poi deciderei come muovermi, rimane solo il dubbio sull’antenna anche se questa sarà appunto più una tu scelta, se metti una verticale sarà tutto più semplice e pulito, la ringhiera bianca sembra fatta apposta per fissarci un palo, un palo qua e uno la ci stanno una sfilza di antenne.

Offline Radioso

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 280
  • Karma: 3
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #8 il: Dom 28 Ago, 09:14 2016 »
Se posso darti un consiglio generale di come allestire una stazione sappi che è un qualcosa che si evolve con il tempo, si comincia in un modo ma poi si finisce periodicamente per modificare sempre qualcosa fino a cambiare anche completamente tutto ogni volta, quando avrai molte apparecchiature ad esempio ti servirà anche un mobile adeguato che andrà posizionato in una stanza altrettanto adeguata, qualsiasi radioamatore nella sua vita fa evolvere il proprio shack, io per esempio cominciai con un comodino per poi finire con una stanza dedicata che tutti mi ricordano essere come la centrale di controllo della nasa hi.

Concordo con quanto ti è stato consigliato fino a questo momento, io ti posso dire di cominciare ad allestire il tutto, antenna compresa, perché è solo facendole le cose che si capisce il modo migliore per farle, è probabile che solo per l’antenna la cambierai e sposterai mille volte prima di trovare il giusto compromesso.

Offline GianlucaB

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 480
  • Karma: 24
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #9 il: Dom 28 Ago, 10:37 2016 »
Per il cavo,  devi porre attenzione alla strada che dovrà percorrere.
Le caratteristiche performanti di un cavo,  sono inversamente proporzionali al suo diametro e sopratutto alla sua flessibilità.
Il cavo che hai scelto è ottimo, ma è abbastanza rigido, il suo raggio di curvatura minimo è 120mm, e quindi difficilmente riuscirà a passare bene all'interno di corrugati, almeno di non utilizzare corrugati enormi tipo 32mm o 50mm e che facciano poche curve e molto ampie.

Considera poi che in hf, l'attenuazione è bassa. ad esempio:
il  BROAD-PRO 50 DJ a 14Mhz perde 1,39db per 100mt
un ultraflex7 sempre solita ditta, a 14Mhz perde 2,2db per 100mt.

Nel tuo caso considerando una distanza antenna apparato di 20mt, la perdita è di 0,278db con il primo cavo, e nel secondo caso di 0,44db.
Alla fine la differenza è 0,2db praticamente niente, però l'ultraflex7 lo passi dappertutto, compresi corrugati anche con curve non troppo ampie.








Offline Carlos

  • Full Member
  • ***
  • Post: 183
  • Karma: 16
  • Sesso: Maschio
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #10 il: Dom 28 Ago, 18:35 2016 »
Duga-3 ritieniti fortunato ad avere quel terrazzo, c’è chi non ha neanche quello e anche quando c’è è sempre striminzito, non fosse per i muri sarebbe un posto perfetto per metterci le antenne. Quoto anche quanto detto sui cavi da GianlucaB e su tutto è stato detto fino a qui.


Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Sr. Member
  • *****
  • Post: 488
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #11 il: Dom 28 Ago, 21:07 2016 »
Certo! L'ho anche scritto nella presentazione!

Il mio nominativo è IU6ERD

 çç29 non avevo letto la tua presentazione! Quoto quello che hanno scritto altri utenti....il 450D è un ottimo apparato per le HF!
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline Carlos

  • Full Member
  • ***
  • Post: 183
  • Karma: 16
  • Sesso: Maschio
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #12 il: Lun 29 Ago, 16:30 2016 »
A proposito di come allestire la propria stazione allego questo pdf con utili consigli su come allestire la propria stazione radio, qualche spunto interessante lo troverai comunque anche se non in senso stretto alle tue domande!

Offline Colonnello

  • Newbie
  • *
  • Post: 30
  • Karma: 3
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #13 il: Mar 30 Ago, 09:21 2016 »
Con quel terrazzo e con il giardino di sotto la filare è d’obbligo hai poco da lamentarti çç53

Offline IU2IDU

  • Global Moderator
  • Sr. Member
  • *****
  • Post: 488
  • Karma: 51
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • IU2IDU Official Page
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #14 il: Mer 01 Feb, 13:06 2017 »
http://www.radioclubtigullio.it/Cavi%20coassiali.html qualche info sui cavi
http://www.dbase.it/iz3meg/Il_ROS_questo_sconosciuto.pdf qualche considerazione sul ROS

Aggiungo altre interessantissime premesse.
IU2IDU operatore GIULIO
UNITA' COTA 686-SM - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline Colonnello

  • Newbie
  • *
  • Post: 30
  • Karma: 3
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #15 il: Mer 01 Feb, 18:29 2017 »
Sempre utile da ripassare e altrettanto indispensabile per imparare çç43

Offline Duga-3

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
  • Karma: 0
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #16 il: Mar 07 Feb, 17:06 2017 »
Grazie mille per gli aiuti!
Il tempo di trasmettere si avvicina sempre di più. In occasione della laurea, sono entrato in possesso del mio primo set up, frutto sia della mia spesa che di alcuni regali. Ho perciò a disposizione:

- Una Yaesu Ft450D;
- Un alimentatore Proexl da 30 A;
- Un accordatore da palo CG 3000.

Leggendo varie recensioni sull'accordatore in questione, nel mio vagabondare ho trovato il consiglio di consultare due manuali relativi ad altri acccordatori prodotti dalla SGC. Il Cg 3000 dovrebbe essere, in sintesi, una copia di uno di questi per cui i consigli dovrebbero valere anche per lui. I manuali in questione, per chi è interessato sono:

- http://www.sgcworld.com/Publications/Books/stealthbook.pdf
- http://www.sgcworld.com/Publications/Books/hfguidebook.pdf

Una configurazione che mi ha particolarmente colpito, che ho letto a pagina 23 del primo pdf, è la seguente:




Come potete vedere dai miei primi interventi nel 3d, ho un balcone rettangolare (30x15 approsimativamente) che gira tutto intorno al mio appartamento e che potrebbe rappresentare un buon compromesso, visto che potrei far correre un cavo tutto intorno al perimetro, appena sotto la gronda. Io sono al penultimo piano, sopra di me c'è una mansarda, per cui questo "loop" correrebbe comunque sui lati più esterni. Voi che ne dite?

Alla filare avevo pensato, ma perdonate la sproporzione che ho fatto nel disegno, i muri di cinta del mio terreno sono a circa 5-6 metri dal filo del balcone, perciò un eventuale cavo steso verso il giardino risulterebbe quasi verticale e non so se questo possa essere un problema. Avevo pensato anche a fissare due pali agli estremi del balcone per realizzare una L invertita. Ovviamente essendo totalmente digiuno in materia, le mie sono solo le impressioni che mi sono costruito cercando di leggere il più possibile. Spero possiate aiutarmi per essere al più presto in attività!

Offline Carlos

  • Full Member
  • ***
  • Post: 183
  • Karma: 16
  • Sesso: Maschio
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #17 il: Mar 07 Feb, 18:23 2017 »
Ben risentito dopo un bel po’ di tempo :)

Secondo me però ti stai ponendo troppi problemi, il calcolo è molto semplice, hai delle misure che riguardano lo spazio disponibile e quindi dovrai fare altrettanto con l’antenna che andrai a mettere, non so alla fine che antenna prenderai e la relativa lunghezza ma è anche inutile prendere una filare sapendo in partenze che non ci starà, piegarla e L non va bene e neanche farla girare attorno al balcone anche se le cose vanno provate prima di dare dei giudizi definitivi quindi nulla ti vieta di provare, l’antenna deve comunque rimanere possibilmente lontano dagli ostacoli a partire dai muri, se poi non ci sta in orizzontale mettila anche un po’ in verticale, insomma dipende dallo spazio disponibile, non è neanche obbligatorio partire dal terrazzo ma puoi tirarla direttamente tutta al pian terreno.

Se invece vuoi sfruttare il balcone potesti prendere un dipolo a V invertita possibilmente caricato in modo così che abbia una lunghezza accettabile.

Offline Radioso

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 280
  • Karma: 3
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #18 il: Mer 08 Feb, 18:17 2017 »
…scusa ma alla fine che antenna prenderai? se prima non ce l’hai sottomano diventa anche poco utile fare dei progetti.

Offline Duga-3

  • Newbie
  • *
  • Post: 7
  • Karma: 0
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #19 il: Mer 08 Feb, 22:43 2017 »
In che senso? Il fatto, nel mio caso, è proprio scegliere l'antenna giusta sia per lo spazio a disposizione che per gli elementi che già possiedo. Ormai sono mesi su mesi che cerco di leggere a riguardo, ma è molto difficile orientarsi. Credo, comunque, che costruirò per il momento una doublet o una g5rv da collegare all' Atu in maniera tale da sperimentare anche un po' di auto costruzione che mi piace tanto!

Offline Radioso

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 280
  • Karma: 3
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #20 il: Gio 09 Feb, 09:46 2017 »
Forse ti sei puntato troppo con le filari, potresti invece mettere una verticale multi banda nel giardino o comunque al livello del terreno, ti basta solo uno spazio pari a quello di un vaso da fiori e il problema è risolto :)

Offline Ducato70

  • Full Member
  • ***
  • Post: 249
  • Karma: 7
Re:Primi passi radioamatoriali
« Risposta #21 il: Ven 10 Feb, 20:02 2017 »
Se si hanno problemi di spazio una verticale è sempre la miglior cosa, confermo che se hai un vaso da fiori li puoi togliere e piantarci l’antenna hi .....hi ma non troppo :)

 

free countersfree countersfree counters